Dropshipping: la dura verità su questo business

dropshipping italiano

Indice

Siamo nel 2022 e stiamo ancora parlando di fare soldi con il dropshipping italiano. Sicuramente questa mania è passata. No, se lo si fa nel modo giusto. Il modello di business del dropshipping non è sicuramente adatto a tutti. Ma con un po’ di duro lavoro, un pensiero strategico e obiettivi realistici, può ancora rivelarsi estremamente redditizio. Non vi diremo che basta avere una mentalità positiva per costruire un negozio di e-commerce fiorente da un giorno all’altro.

Abbiamo invece statistiche, consigli e storie di successo da condividere.

Per coloro che non lo conoscono, iniziamo con una breve spiegazione.

Come funziona il dropshipping italiano

dropshipping italiano

Uno dei modelli di business più discussi degli ultimi anni, il dropshipping è fondamentalmente un approccio all’adempimento.

Un rivenditore crea un negozio di e-commerce, sceglie i prodotti dai fornitori e li vende ai clienti.

I fornitori di dropshipping italiano applicano al venditore prezzi all’ingrosso per ogni prodotto.

Poi, i venditori aggiungono il proprio ricarico, in modo da poter guadagnare su ogni vendita.

Quando il cliente effettua un ordine, i venditori informano i fornitori, che inviano i prodotti direttamente a casa del cliente dai loro magazzini.

Il venditore non tocca mai i prodotti spediti dai dropshipper.

Questo ha alcuni evidenti vantaggi, ma anche alcuni evidenti svantaggi, di cui parleremo più avanti.

Quindi, gli imprenditori vendono prodotti che non maneggiano nemmeno.

E’ lecito fare dropshipping italiano?

Se siete un imprenditore serio, probabilmente vorrete verificare se ciò è consentito.

Il dropshipping è legittimo.

Assicuratevi solo di rispettare la legge per quanto riguarda ciò che vendete e dove spedite i prodotti.

Le leggi in materia di licenze, commercio e tasse variano da un paese all’altro.

Fate le vostre ricerche e dovreste essere in grado di avviare la vostra attività online di dropshipping italiano con relativa facilità.

Siete già qui, quindi sapete che il settore dell’e-commerce è fiorente.

In effetti, si tratta di un eufemismo.

Si prevede che le vendite al dettaglio dell’ecommerce raggiungeranno i 6.000 miliardi di dollari entro il 2023.

Quindi, se non vedete l’ora di avviare il vostro negozio di e-commerce, non vi biasimiamo.

Come per ogni altra cosa, ci sono evidenti pro e contro di un’attività di dropshipping.

Pro

dropshipping italiano

Cominciamo a vedere i lati positivi dell’avvio di un negozio in dropshipping.

Il motivo principale per cui il dropshipping è così popolare è che è probabilmente il modo più conveniente di avviare un’attività online.

Qualsiasi imprenditore del commercio elettronico può iniziare con un minimo di denaro.

Non serve il magazzino nel dropshipping

Non è necessario pagare l’inventario, i magazzini o la logistica.

Con il dropshipping italiano l’investimento iniziale di capitale è sostanzialmente nullo.

Certo, bisogna pagare la configurazione del sito, ma si può iniziare a vendere quasi subito.

Ogni negozio al dettaglio tradizionale deve tenere costantemente traccia dei prodotti venduti.

Poiché voi siete solo un rivenditore, i vostri venditori terzi sono responsabili della gestione dell’inventario.

Controllano ciò che è disponibile e si occupano di conservarlo.

Il fatto di non dover tenere il passo con l’inventario vi lascia molto tempo per crescere come imprenditori e per concentrarvi su altri compiti dell’azienda, come il servizio clienti e il marketing.

Senza l’onere delle scorte, la crescita di un’attività di dropshipping è molto più semplice di quella di un negozio di e-commerce più tradizionale.

Se si desidera ampliare l’offerta di prodotti, è sufficiente procurarsi i nuovi articoli e aggiungerli al sito.

Spese contenute con il dropshipping italiano

Le spese generali sono molto più contenute nel dropshipping italiano e possono competere con i profitti derivanti dalla vendita.

Al limite, non avete un vecchio inventario da esaminare per sbarazzarvi di tutto, se volete vendere qualcosa di completamente diverso. In pratica, si può fare tabula rasa.

C’è un motivo per cui i nomadi digitali amano questo specifico modello di business.

Se l’idea di lavorare da qualsiasi parte del mondo vi alletta, allora il dropshipping è la strada giusta.

Senza magazzini di cui preoccuparsi e senza corrieri da gestire, potete avviare un’attività di dropshipping praticamente da ovunque.

Quando il vostro negozio inizierà a crescere e avrete bisogno di aiuto, avrete anche la flessibilità di assumere dipendenti da tutto il mondo.

Contro

Bene, analizziamo gli svantaggi dell’avvio di un’attività di dropshipping italiano.

Impossibilità di controllo della merce

Sebbene sia fantastico esternalizzare la logistica a una terza parte, ricordate che dopo sarete praticamente alla mercé dei vostri fornitori.

Se la consegna è in ritardo o ci sono problemi con la qualità del prodotto, non potete fare molto.

I vostri fornitori devono risolvere il problema.

Il costumer care è affidato a voi

Allo stesso tempo, la responsabilità di comunicare con i clienti è interamente vostra, in quanto proprietari di un negozio di e-commerce.

Per vincere con il dropshipping italiano, dovrete essere una superstar del servizio clienti.

Le cose vanno davvero male: tutti lo sanno, nessun negozio di e-commerce è al sicuro dai problemi.

La cosa migliore è collaborare con fornitori affermati di cui ci si possa fidare.

Tra poco vi mostreremo come fare.

Andamento del mercato del dropshipping italiano

dropshipping italiano

Il mercato globale del dropshipping è stato valutato a più di 100 miliardi di dollari nel 2018, e sta crescendo.

Molte persone vogliono ancora guadagnare con questo tipo di attività.

Poiché la natura a basso impegno del modello di dropshipping italiano lo rende così facile da avviare, la concorrenza è intensa.

Può essere difficile vendere un prodotto che non è disponibile altrove e distinguersi quando piattaforme come Facebook sono sature di annunci di dropshipper.

Iniziate a trovare delle nicchie – vi spiegheremo come tra poco.

La ricerca di prodotti meno generici e l’utilizzo di un marketing mirato vi consentiranno di iniziare.

A meno che non si vendano decine di migliaia di prodotti, è molto probabile che non si ottengano offerte esclusive o prezzi scontati dai grandi fornitori di dropshipping.

Per loro è più conveniente vendere ogni prodotto in blocco e spedirlo.

Più alto è il volume dell’ordine, più basso è il prezzo del prodotto sfuso.

Poiché volete essere competitivi, i prezzi dei vostri prodotti dovranno avvicinarsi a quelli dei rivenditori concorrenti.

Non è raro che un dropshipper diventi virale con un solo prodotto e ne venda migliaia.

Detto questo, trovare fornitori più piccoli e prodotti di nicchia è leggermente più fattibile.

Costruisci il tuo brand per volare nel dropshipping italiano

Possiamo fornirvi molti consigli su come costruire il vostro brand.

È la chiave per trovare una base di clienti fedeli e per avere successo nel lungo periodo come azienda di e-commerce.

Ma è incredibilmente difficile costruire il proprio marchio quando si vendono prodotti altrui.

Dopo tutto, non siete responsabili della qualità del prodotto e non c’è il vostro logo sulla scatola.

Sebbene molti spedizionieri si dedichino a questa attività per motivi economici, si tratta di un’attività difficile da intraprendere per chi vuole che i clienti si ricordino e riconoscano il proprio negozio.

Innanzitutto, assicuratevi che il vostro negozio di e-commerce abbia un aspetto impeccabile.

Si tratta di un modo estremamente flessibile di avviare un’attività di commercio elettronico, con un impegno di capitale minimo e un ampio potenziale di crescita.

Attenzione agli investimenti nel dropshipping italiano

dropshipping italiano

Ricordate però che il dropshipping non è un sistema per fare soldi a palate.

Molte persone sono fallite e si sono bruciate con questo modello di business – basta non farsi benedire dai nostri consigli.

Lo sappiamo, abbiamo appena detto che il dropshipping italiano è ultra-flessibile e richiede un impegno economico minimo.

Tuttavia, se desiderate guadagnare seriamente e ottenere un’attività ripetitiva, dovrete dedicare molto tempo ed energia.

Una delle prime cose a cui dovrete pensare prima di avviare il vostro negozio in dropshipping è se vi impegnerete per garantirne il successo.

Una comprensione più profonda dei vostri clienti.

Più si comunica con i clienti, più si comprende il mercato.

La certezza di gestire la propria attività.

Impegnarsi fin dall’inizio vi aiuterà a prendere decisioni migliori.

Inoltre, vi renderà un leader migliore quando il team crescerà.

Rimanere vicini alla vostra azienda vi permette di imparare dagli errori. Man mano che si scala, si impara a spendere il proprio tempo e il proprio denaro in modo più efficace.

La scelta dei prodotti è fondamentale

Scegliere i prodotti giusti da vendere online può sembrare di entrare in un negozio di caramelle.

Ci sono così tante opzioni che si è tentati di scegliere qualsiasi cosa.

Ma il punto è questo: dovete assicurarvi che i vostri prodotti siano qualcosa di speciale.

È molto facile rimanere bloccati nella vasta gamma di dropshipper che vendono gli stessi articoli generici e a basso costo.

Invece, è necessario essere un po’ strategici e distinguere la propria attività online dal resto del gruppo.

Per diventare davvero un dropshipper di successo, dovete trovare l’equilibrio tra prodotti di super nicchia e un mercato troppo saturo.

Supponiamo che abbiate deciso di vendere Pop Sockets e custodie per iPhone.

Improvvisamente, vi trovate a competere con, beh, praticamente tutto il resto di Internet.

O forse avete trovato un venditore che produce sveglie a forma di pallone da basket con la scritta “Good Morning, Dave” come sveglia.

È un mercato davvero di nicchia quello in cui siete capitati. In quali settori merceologici avete una clientela entusiasta.

Il vostro negozio non deve essere universalmente attraente, quindi scegliete un mercato.

Può essere qualsiasi cosa, dagli artigiani agli amanti dei gatti.

Cosa vi farà guadagnare.

Cercate prodotti su cui potete applicare un buon margine di guadagno: prodotti come la tecnologia hanno un prezzo facile rispetto a quello di altri rivenditori, e per questo sono difficili da guadagnare.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Vuoi fare business online? Allora, clicca il banner qui sotto e accedi gratis a oltre 200 corsi di digital marketing

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!

Inserisci i tuoi dati per entrare nell'Academy

Marketing

Inserisci la tua email e inizia gratis a studiare online marketing