Come aprire un blog

aprire un blog

Indice

Mi ci sono voluti anni e un team per arrivare a questo punto, ma voi potete aprire un blog redditizio oggi stesso. Il denaro è là fuori, a patto che vi dedichiate ad esso e seguiate alcune tecniche collaudate, come quelle elencate di seguito. Se volete aprire un blog per fare soldi, dovete iniziare con una buona società di web hosting.

Per ottenere un profitto è necessario fare qualche passo in più rispetto alla via del blog amatoriale.

Come avviare un blog che produca profitti.

Avete già il nome del vostro blog e le idee, volete solo iniziare.

Andate su Siteground e iscrivetevi al piano WordPress singolo a soli 2,49 dollari al mese, sfruttando l’80% di sconto.

Questo è il miglior host web per i principianti ed è il modo più semplice per avviare il vostro fantastico blog.

aprire un blog

Installa WordPress per aprire un blog

Si ottiene l’hosting web, un dominio gratuito, account di posta elettronica, un site builder e tutto ciò che serve per aprire un blog, il tutto in un pacchetto economico.

Una volta registrato un account con Siteground, si viene guidati attraverso il processo di impostazione del tipo di sito web che si desidera creare.

Quando vi viene chiesto che tipo di sito volete creare, scegliete l’opzione blog.

Vi verrà quindi data l’opportunità di richiedere un dominio gratuito: fatelo e basta, a meno che non vogliate acquistare altri domini o collegare quelli che già possedete.

Quando avrete la possibilità di scegliere il sistema di gestione dei contenuti (CMS), vi consiglio vivamente di installare WordPress.

Successivamente, scegliete un tema, che determina l’aspetto del sito.

Potrete sempre cambiarlo in seguito, quindi non pensateci troppo.

Esaminate e convalidate tutte le vostre scelte.

Assicuratevi che tutte le informazioni siano corrette, quindi premete “Termina configurazione”.

Incomincia a scrivere sul blog

Accedete al vostro aprire un blog e iniziate a scrivere sul blog.

Lasciate fluire le idee e continuate a scrivere regolarmente.

Se volete fare soldi, è piuttosto facile: trovate il vostro primo cliente, e poi il secondo, e poi il terzo, e poi… beh, avete capito. Naturalmente ci sono molti altri modi per fare soldi.

Ne parleremo tra poco.

Per ora, però, esaminiamo in modo approfondito l’intero processo di creazione del blog.

Questo è il passo più importante da compiere nella creazione di un blog.

La scelta di un argomento (o nicchia) per il vostro blog definirà il resto del futuro del sito.

Si tratta di qualcosa di cui scriverete e, si spera, di cui guadagnerete.

La buona notizia è che esiste praticamente un pubblico per ogni singolo argomento di cui ci si possa interessare. Ma ci sono alcuni argomenti che tendono a fare meglio di altri.

Dovete trovare l’argomento che attiri il pubblico più vasto, ma che sia anche in grado di mantenere la vostra posizione.

Cosa mi interessa?

Quali argomenti ti entusiasmano?

Che cosa ti ossessiona?

Quale nicchia scegliere prima di aprire un blog

Questo è il fondamento della nicchia del vostro aprire un blog.

Dopotutto, se non vi piace un argomento, non vorrete scriverne giorno per giorno.

C’è qualcosa in cui avete un talento naturale?

Magari sport, giochi o strumenti musicali.

Quali abilità e conoscenze avete sviluppato nel corso degli anni.

Forse c’è qualcosa che avete studiato per imparare e di cui ora potete scrivere.

Pensate a materie o abilità accademiche, come le lingue o la meccanica automobilistica.

La vostra attuale professione potrebbe essere un ottimo spunto per scrivere.

Ad esempio, se siete uno sviluppatore di una startup, potreste iniziare a scrivere di sviluppo front-end o di industrie tecnologiche.

Parti da un argomento che ti piace

Pensate a qualcosa che fate nel vostro tempo libero.

Magari leggete libri, lavorate al vostro romanzo fantasy o riparate quella vecchia auto che avete in garage.

Tutti questi argomenti potrebbero essere utili per scrivere sul vostro aprire un blog.

Tirate fuori il vostro documento Word o un foglio di carta e annotate tutto.

Questo aiuta a focalizzare l’idea.

Inoltre, potrete farvi riferimento in seguito, quando prenderete la decisione finale.

Che cosa entusiasma gli altri?

Questa è una domanda piuttosto elaborata.

Dovete capire cosa piace anche agli altri.

Altrimenti, potreste ritrovarvi con un blog che non attira molte persone.

Per esempio, potreste pensare che un blog che parla di quanto sia fantastico il vostro cane sia davvero bello, ma attirerà molte persone?

D’altra parte, un blog su come prendersi cura e addestrare i cani attira un numero molto maggiore di lettori.

Dovete prendere qualcosa che vi interessa personalmente e trovare un modo per renderlo universale.

Pensate a come vi siete interessati a un argomento.

Come avete costruito la vostra conoscenza dell’argomento. Pensate a tutte le domande e ai dubbi che vi sono sorti all’inizio e a cosa vi ha aiutato ad acquisire le vostre conoscenze.

aprire un blog

Google Keyword Planner per aprire un blog

Suggerimento: Utilizzate lo strumento Google Keyword Planner per scoprire la frequenza delle ricerche in una determinata categoria o nicchia.

Vi mostrerà a cosa sono interessate le persone e a cosa no.

Si rientra in queste categorie?

È probabile che ci sia comunque un pubblico per uno dei vostri argomenti.

Per ora, voglio che scegliate un argomento della vostra lista che vorreste sviluppare in un blog.

Una volta fatto questo, dovrete essere più specifici e restringere l’argomento.

Ad esempio, potreste voler aprire un sito di finanza personale.

Restringere l’attenzione potrebbe significare creare un sito di finanza personale orientato ai millennial che guadagnano 100.000 dollari all’anno.

Oppure per i trentenni che vogliono andare in pensione presto.

Ripensate ai vari argomenti che avete generato nella Fase 1. Potete combinarli con argomenti di cui vi piace scrivere per restringere la vostra nicchia?

Quale nome scegliere per il blog

Ora la parte più divertente: la scelta del nome per il aprire un blog.

A questo proposito, ho alcune notizie buone e altre cattive.

Cattive notizie: la maggior parte dei nomi di dominio veramente “buoni” sono già stati presi.

Internet è ormai vecchio di decenni.

La buona notizia: non ha molta importanza, perché vi troveremo i migliori.

Non costringete i vostri potenziali visitatori a digitare un mucchio di parole solo per arrivare al vostro sito.

Raccomandiamo un massimo di 14 caratteri.

Scegliete.com,.org o.net.

Sono i più facili da ricordare per gli esseri umani.

Sono più facili da scrivere e da pronunciare.

Non è il caso di dover fare continuamente lo spelling quando si nomina il dominio del blog.

Non solo risulta scomodo in un URL, ma è anche difficile da digitare quando si aggiungono i trattini.

È molto probabile che il vostro nome sia disponibile come dominio. Questo lo rende un’ottima scelta per un blog personale.

Ne parlerò più avanti.

Una volta individuato il nome di dominio che vi piace, andate su Siteground e verificate se è disponibile utilizzando il loro strumento per i domini.

Fate una ricerca finché non trovate un dominio disponibile.

Vi consiglio vivamente di farlo finché non trovate un dominio disponibile.

Se avete intenzione di scrivere un blog, affinate le vostre abilità di sinonimo cercando altre parole e frasi che potrebbero essere disponibili.

Per uno scrittore che lavora, questa è un’abilità davvero fondamentale.

Costi dei domini del blog

Anche se potreste acquistare il dominio da qualcuno che ne ha già uno, questa è un’opzione più avanzata e potrebbe diventare rapidamente costosa.

I domini di bassa qualità costano in genere diverse migliaia di dollari.

I domini per aprire un blog di alta qualità, che sono lunghi due parole, possono facilmente valere 10.000-50.000 dollari.

Ho persino partecipato a discussioni per l’acquisto di domini che superano i 100.000 dollari, e quelli davvero interessanti possono arrivare a sette cifre.

Per non parlare di tutti i grattacapi che comporta trovare qualcuno che possiede un dominio, negoziare con lui e spostare un dominio, se mai si raggiunge un accordo.

La soluzione migliore è continuare a cercare finché non trovate un dominio che vi piace e che potete acquistare direttamente da un registrar di domini per circa 10 dollari.

Qui sono riportati molti dettagli sulle società di registrazione dei domini da utilizzare.

Tuttavia, consiglio vivamente di acquistare un webhost che permetta la registrazione gratuita del dominio.

Se è il vostro primo blog e non sapete bene di cosa volete che si tratti, vi consiglio di usare il vostro nome personale.

Il motivo è che cambiare il dominio in un secondo momento significherebbe dover ricominciare dall’inizio.

Ci sono molti errori che vengono commessi nei blog e che possono essere corretti in seguito; avere un cattivo dominio non è uno di questi.

Supponiamo che abbiate scelto un dominio come FitnessForDoctors.com.

Poi, dopo sei mesi, vi rendete conto che preferite scrivere blog di finanza personale sui medici.

Dovrete acquistare un nuovo dominio e ricominciare da capo.

I domini personali sono molto più flessibili: dopo tutto, sono solo nomi.

Quindi, se cambiate categoria in un paio di mesi, non è un grosso problema.

Togliete tutti i vecchi contenuti irrilevanti per la nuova direzione, iniziate a pubblicare cose nuove e sarete pronti a partire.

In seguito sarà molto più difficile assumere altri scrittori o sviluppare il vostro blog al di là della vostra identità individuale.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite sul marketing per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!