9 modelli di business ecommerce per vendere online

modello e commerce

Indice

I modello e commerce di ogni tipo stanno fiorendo. Si prevede che le vendite dei negozi online cresceranno del 385% nel corso del decennio. È facile lasciarsi coinvolgere ed entusiasmare dalle ultime tendenze dell’ecommerce, ma se non si comprendono le basi, si rischia di scontrarsi con il muro della redditività senza saperlo. Un’attività di ecommerce di successo richiede intuizione, conoscenza del mercato, un solido business plan e una ricerca approfondita sui prodotti e sui modelli di business.

Ma uno dei maggiori ostacoli che la maggior parte dei principianti incontra in questo settore è facilmente risolvibile.

Molti potenziali imprenditori di eCommerce semplicemente non capiscono come sono strutturate le aziende di eCommerce o i vari tipi di eCommerce a loro disposizione.

Se state cercando di immergervi nel vortice dell’e-commerce, vi suggerisco di iniziare con un negozio di e-commerce ibrido basato sulle affiliazioni.

Dovrete anche determinare la piattaforma ecommerce più adatta alle esigenze del modello di business che avete scelto. In questo post, vi guiderò attraverso il gergo.

Il commercio elettronico comprende tutti i mercati online che mettono in contatto acquirenti e venditori. Internet viene utilizzato per tutte le transazioni elettroniche.

La prima cosa che dovete considerare è il tipo di transazioni commerciali che intendete effettuare.

Quando pensate a un’attività che vorreste intraprendere, chiedetevi a chi pensate di vendere.

Avete una visione del tipo di attività di e-commerce a cui state pensando da tempo?

Questi acronimi vi fanno girare la testa?

Vediamo i modi più comuni in cui avvengono le transazioni su Internet.

1 – B2B come modello e commerce

modello e commerce

Il modello e commerce B2B è incentrato sulla fornitura di prodotti da parte di un’azienda a un’altra.

Sebbene molte aziende di questa nicchia siano fornitori di servizi, in questa categoria si trovano aziende di software, di mobili e forniture per ufficio, di hosting di documenti e innumerevoli altri modelli di eCommerce.

Tra gli esempi di ecommerce B2B che potreste conoscere ci sono ExxonMobil Corporation e Chevron Corporation, Boeing e Archer Daniel Midlands.

Queste aziende dispongono di piattaforme di ecommerce aziendali su misura, che operano in ambienti chiusi con altre aziende.

Un’attività di ecommerce B2B richiede solitamente più denaro per essere avviata.

2 – B2C come modello e commerce

Il modello e commerce B2C è quello che la maggior parte delle persone immagina quando si tratta di un’attività di ecommerce.

È il mercato più profondo e molti dei nomi che si vedono qui sono noti anche offline.

Le vendite eCommerce B2C sono un modello di vendita al dettaglio tradizionale, in cui l’azienda vende ai privati, ma la transazione avviene online, non in un negozio. Gli esempi di aziende B2C sono numerosi.

Tra i rivenditori esclusivamente online ci sono Newegg.com, Overstock.com, Wish e ModCloth, ma ci sono anche altre grandi aziende che seguono il modello B2C, come Staples, WalMart, Target, REI e Gap.

B2B e B2C sono concetti abbastanza intuitivi per la maggior parte di noi, ma il concetto di C2C è diverso. Come si presenta un’attività di eCommerce da consumatore a consumatore.

Nati dalla crescita del settore dell’ecommerce e dalla crescente fiducia dei consumatori nelle aziende online, questi siti web di ecommerce consentono ai clienti di scambiare, acquistare e vendere articoli, in cambio di una piccola commissione pagata al sito.

3 – C2C

modello e commerce

L’apertura di un modello e commerce C2C richiede un’attenta pianificazione.

Nonostante l’apparente successo di piattaforme come eBay e Craigslist, innumerevoli altri siti di aste e annunci – l’arena principale del C2C – hanno aperto per poi chiudere poco dopo, adducendo modelli non sostenibili.

Il C2B è un altro modello a cui molti non pensano subito, ma che sta crescendo in popolarità.

Questo modello di business per il commercio online prevede che il consumatore venda beni o servizi alle aziende, in modo più o meno analogo al solopreneurship al servizio di un’azienda più grande.

Rientrano in questa categoria anche le aste inverse, i siti di fornitura di servizi come UpWork e una serie di comuni strategie di monetizzazione dei blog, come il marketing di affiliazione o Google AdSense.

4 – B2G come modello e commerce

I modello e commerce sopra elencati sono strutture di vendita al dettaglio di eCommerce di base, ma non sono gli unici. Altri tipi coinvolgono governi/pubbliche amministrazioni che conducono transazioni con aziende o consumatori. B2G (detto anche B2A), per le aziende che hanno come unici clienti i governi o le amministrazioni pubbliche.

Un esempio è Synergetics Inc. di Ft. Collins, Colo, che fornisce appaltatori e servizi alle agenzie pubbliche.

5 – C2G come modello e commerce

C2G (detto anche C2A): Gli individui generalmente pagano le tasse al governo o le rette universitarie.

Due settori chiusi per gli imprenditori, ma in crescita, sono il G2B, che consiste nel vendere alle imprese private da parte del governo, e il G2C, che consiste nel vendere al pubblico in generale da parte del governo.

La cosa più importante da considerare è il modo in cui si vuole gestire l’inventario e l’approvvigionamento dei prodotti.

Alcuni amano l’idea di produrre i propri prodotti, mentre altri odiano l’idea di avere un garage pieno di scatole.

6 – Dropshipping

modello e commerce

Il modello e commerce più elementare di eCommerce, il dropshipping, consente di creare una vetrina e di accettare i soldi dei clienti tramite carta di credito o PayPal.

Il resto è affidato ai vostri fornitori.

In questo modo non dovrete occuparvi di inventari, magazzini o imballaggi, ma c’è un grosso problema.

Se il vostro fornitore è lento, la qualità dei prodotti è inferiore alle aspettative o avete problemi a evadere gli ordini, la responsabilità è tutta vostra (e delle vostre recensioni).

Molti dropshipper utilizzano Shopify.

È veloce ed economico iniziare. Un modello popolare è la creazione di un negozio veloce e la promozione del traffico attraverso gli annunci di Facebook.

I margini sono stretti e se riuscite a ricavarne dei profitti, il merito è vostro.

Le attività di commercio elettronico all’ingrosso e di magazzino hanno bisogno di molto capitale iniziale.

Bisogna gestire l’inventario e le forniture, tenere traccia degli ordini dei clienti e delle informazioni sulle consegne e investire nello spazio del magazzino stesso.

DollarDays è un grossista online che dispone di un enorme catalogo di oltre 260.000 prodotti.

Ha adottato la strategia del key retailer dello spazio.

Offrendo sia prodotti sfusi che a prezzo singolo, è in grado di vendere sia al pubblico che ai rivenditori.

7 – Vendita all’ingrosso come modello e commerce

Ciò consente di ottenere margini di profitto più elevati rispetto al modello e commerce di vendita all’ingrosso. Le attività di vendita all’ingrosso si basano sulla quantità del prodotto.

Dovrete far arrivare i vostri prodotti su eBay, Amazon e così via.

BigCommerce include tutto questo nel suo piano di base da 29 dollari al mese. Se avete le competenze per sviluppare, X-Cart è un’opzione.

Se vi è venuta l’idea di un prodotto perfetto, ma non avete i soldi o la voglia di aprire una vostra fabbrica, questo potrebbe essere un buon modello di business per voi.

Le aziende che realizzano prodotti da vendere all’interno della propria sede inviano progetti o prototipi a un produttore a contratto, che realizza i prodotti in base alle specifiche del cliente e può inviarli direttamente ai consumatori, a terzi come Amazon o a un’azienda che vende i prodotti finiti.

8 – Private label come modello e commerce

modello e commerce

La produzione è un modello e commerce su richiesta consente di cambiare rapidamente fornitore in caso di problemi di qualità del prodotto.

I costi di avviamento sono minimi ed è un ottimo modo per sperimentare nuovi prodotti o concetti se si è interessati ad aprire un proprio stabilimento di produzione in un secondo momento.

Si sceglie un prodotto già venduto da un’altra azienda, ma si offre l’opzione private label, si sviluppano il packaging e le etichette e si commercializza il prodotto.

Si tratta di una pratica molto comune nei settori della bellezza e della salute, ma è più difficile da trovare in altre nicchie di mercato. Una sfida dell’attività di private label è la domanda.

Si è bloccati con ciò che si è ordinato e la maggior parte di queste aziende ha fissato una quantità minima da produrre. Se non riuscite a venderlo, dovrete sopportarlo.

Considerate questa opzione quando siete pronti a impegnarvi a tempo pieno nella vostra attività e quando sapete che esiste un mercato per il vostro prodotto.

9 – Print On Demand

Un tipo comune di private label è il Print On Demand.

Uno dei marchi di eCommerce puro più noti e di successo è Dollar Shave Club.

Altri esempi di servizi in abbonamento sono Stitch Fix, Blue Apron e Nature Box.

A livello locale, sono molto diffuse le scatole in abbonamento che sostengono l’agricoltura locale.

Queste aziende si basano su un modello di abbonamento, in cui i clienti ricevono una scatola di prodotti a intervalli regolari.

Le società di abbonamento hanno un flusso di entrate relativamente stabile e possono facilmente motivare i clienti ad acquistare altri abbonamenti o a incoraggiare i loro contatti ad iscriversi.

La selezione dei prodotti e delle nicchie giuste può essere impegnativa.

I cofanetti in abbonamento di successo rientrano generalmente in alcune categorie di prodotti: salute e cura del corpo, bellezza, moda e cibo.

Al di fuori di queste aree, sono poche le aziende di abbonamento che riescono a sfondare.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!