Gli 8 migliori marketplace in Italia [2022]

ecommerce italiani

Indice

Oltre a costruire i loro siti web, i rivenditori e i grossisti devono ora scoprire dove i marketplace devono inserirsi nelle loro attività per continuare a raggiungere gli obiettivi di fatturato dell’azienda. Trovare i mercati online giusti per i propri prodotti e per il proprio pubblico di riferimento equivale a decidere dove ubicare i propri negozi al dettaglio o a quali fiere partecipare per acquisire nuovi clienti. I mercati online offrono a rivenditori, grossisti e produttori l’opportunità di coltivare una base più ampia di clienti con un investimento relativamente ridotto. Ecco 10 marketplace da considerare come parte di qualsiasi soluzione di ecommerce italiani decisa da un grossista o da un dettagliante nel 2021.

1 – Target ecommerce italiani

ecommerce italiani

Quest’anno Target.com ha aperto il proprio sito a venditori terzi, creando il programma Target+.

Target lo ha fatto come estensione dei suoi artigiani e partner globali che producono beni venduti nei negozi, con l’intento di continuare ad aiutare le aziende sottorappresentate ad aumentare la loro distribuzione.

L’obiettivo di Target è quello di sostenere la crescita dei venditori terzi, utilizzando i loro prodotti per migliorare l’esperienza di acquisto sui siti di ecommerce italiani di Target, e di soddisfare le esigenze dei suoi clienti, che chiama ospiti, di avere una maggiore scelta.

Attualmente il programma, progettato per far crescere categorie importanti come l’arredamento, i giocattoli, l’elettronica e gli articoli sportivi, sembra essere solo su invito.

Portale dei fornitori

Recentemente ha aggiunto un portale per i fornitori e il processo di iscrizione è lungo.

Dovrete scrivere una proposta, mostrare come i vostri prodotti si adattano alle esigenze dei clienti dell’azienda e fornire una solida argomentazione per essere presi in considerazione.

La vostra azienda deve inoltre essere posseduta, controllata e gestita per almeno il 51% da donne, minoranze, persone LGBTQ o veterani.

Quando inviate la vostra candidatura, assicuratevi di includere foto di alta qualità, dati di vendita, caratteristiche uniche e una spiegazione di ciò che distingue il vostro prodotto. Inoltre, assicuratevi che la vostra candidatura sia in linea con gli obiettivi di Target.

La struttura dei pagamenti non è nota a coloro che sono stati ammessi al programma.

Inoltre, cosa molto interessante, non esiste un’opzione per cercare gli articoli Target+ in modo specifico; i prodotti sono tutti mescolati insieme nel merchandising mix generale dell’azienda!

2 – Etsy

ecommerce italiani

Etsy è il mercato originale e di maggior successo dove le persone possono vendere i loro articoli artigianali, vintage e originali in tutto il mondo.

Mentre altri mercati simili andavano e venivano, Etsy è riuscito a consolidare il suo posto come destinazione per gli oggetti che non sono stati creati per ecommerce italiani.

Il successo della piattaforma può essere attribuito al fatto di aver aiutato il movimento dell’artigianato a passare da un’industria di nicchia a una categoria di prodotti al dettaglio molto ricercata.

Il marketplace Etsy opera oggi in 83 Paesi, con 2,1 milioni di venditori attivi e 39,4 milioni di acquirenti, che hanno acquistato più di 60 milioni di prodotti nel 2018.

Nel 2018, Etsy ha generato vendite per 603,7 milioni di dollari e ha registrato profitti netti per 41,25 milioni di dollari.

A differenza di Amazon (che ha una media del 12%), Etsy ha mantenuto la sua struttura di prezzi coerente con quanto i suoi venditori sono disposti a pagare, applicando una commissione di 0,20 dollari per l’inserzione e una commissione di transazione pari al 5% del prezzo di un articolo (la spedizione è determinata dal venditore in aggiunta a queste commissioni).

I membri di Etsy Plus pagano 10 dollari al mese.

Per i marchi, i creatori o i venditori che desiderano coltivare canali di vendita di qualità per i loro prodotti, Etsy è una necessità assoluta, date le sue basse barriere all’ingresso, il controllo di qualità e la possibilità di gestire un’operazione all’ingrosso o al dettaglio.

3 – Bonanza ecommerce italiani

Bonanza è un ecommerce italiani che consente agli imprenditori di creare attività sostenibili basate su clienti abituali.

Bonanza è stato concepito come una piattaforma che consente ai venditori di generare vendite e di creare marchi, sviluppando al contempo relazioni con i clienti.

Incoraggia i rivenditori che lo utilizzano a investire costantemente nelle loro attività, in modo da avere non solo una base solida, ma anche una crescita strategica grazie agli acquisti ripetuti dei clienti.

Inoltre, facilitano la scalabilità delle aziende offrendo molte funzioni automatizzate che di solito sono difficili da sviluppare per i commercianti.

Ad esempio, i venditori possono sincronizzare automaticamente l’inventario con eBay, Amazon e Shopify, modificare le immagini dei prodotti, creare campagne di marketing su Facebook e Google e persino creare un negozio online a costo zero (che viene creato automaticamente dal vostro account Marketplace).

Bonanza è considerata una delle migliori scelte per i rivenditori con marchi o attività lifestyle; ha 25.000 aziende registrate nei settori della moda, della bellezza, della casa e della salute.

Bonanza conta oggi 2,2 milioni di utenti attivi.

Non applica alcuna tariffa di inserzione ai venditori. Il venditore riceve solo una commissione del 3,5% post-vendita per le vendite di importo pari o inferiore a 500 dollari.

In totale, i venditori trattengono circa il 97% di quanto guadagnano con le vendite effettuate attraverso la piattaforma.

4 – Facebook ecommerce italiani

ecommerce italiani

Facebook, uno dei più grandi social network su Internet con 2,45 miliardi di utenti, ha lanciato il proprio marketplace tre anni fa nel tentativo di offrire un’esperienza migliore rispetto a Craigslist.

Dal lancio, il Marketplace di Facebook è cresciuto fino a contare oltre 800 milioni di utenti, rivenditori e venditori professionali.

Vendere su Facebook ecommerce italiani è un processo semplice, con varie funzioni disponibili per le aziende e i venditori abituali.

Come venditori, dovrete sincronizzare l’inventario aggiornato e attendere circa una settimana affinché Facebook esamini i vostri prodotti e li approvi per la vendita su Marketplace.

Se utilizzate Shopify, BigCommerce, Channel Advisor, ShipStation o Quipt, potete collegare automaticamente il vostro inventario al Marketplace con pochi semplici clic.

Se non si dispone di un software di inventario che li supporta, ecco come inserire il proprio inventario.

WhatsApp e Facebook

Facebook ha recentemente scoperto che molti dei suoi 1,5 miliardi di utenti su WhatsApp amano chattare sulle piccole imprese locali.

Per questo motivo, Facebook ha creato una nuova funzione che consente ai piccoli rivenditori di creare un catalogo su WhatsApp per creare una vetrina mobile per la loro attività.

Il catalogo consente di visualizzare e condividere i propri prodotti, in modo che le persone possano sfogliare e scoprire gli articoli che desiderano acquistare a livello locale, in modo semplice, mentre sono in movimento.

Le funzionalità del catalogo sono disponibili sia per Android che per iPhone e sono attive in Brasile, Germania, India, Indonesia, Messico, Regno Unito e Stati Uniti.

Facebook Marketplace non prevede costi di listino o commissioni, il che lo rende un’opzione interessante sia per i venditori nuovi che per quelli già affermati.

L’inserzione e la vendita su Facebook sono gratuite, in quanto generano reddito attraverso la pubblicità su Facebook e Instagram.

5 – Alibaba ecommerce italiani

Alibaba è una forza da non sottovalutare nel mondo degli ecommerce italiani.

È stata fondata nel 1999 ed è stata originariamente creata per servire come portale B2B che metteva in contatto i produttori cinesi con gli acquirenti stranieri.

Oggi il mercato è conosciuto come “Amazon cinese”, con la piattaforma che fornisce canali di vendita C2C, B2C e B2B, oltre a offrire molti servizi offerti da Amazon.

Alibaba ha oltre 674 milioni di utenti, circa 775 milioni di utenti mobili mensili e vanta il 60% del mercato cinese dell’e-commerce.

La crescita di Alibaba è dovuta alla concorrenza aggressiva dei rivenditori per accaparrarsi una fetta della torta di spesa dei consumatori nella crescente economia cinese.

L’azienda conta oggi più di 8,5 milioni di venditori online.

Quest’anno, Alibaba ha aperto i suoi marketplace ai venditori medio-piccoli negli Stati Uniti, nel tentativo di compensare la debole crescita dei ricavi del commercio elettronico causata dalla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e dalla concorrenza del mercato online.

Per vendere su Alibaba, è sufficiente creare un account e seguire la procedura di registrazione.

I venditori non devono sostenere alcun costo di iscrizione o di configurazione.

Le commissioni sono comprese tra il 5 e l’8%.

6 – Ebay ecommerce italiani

https://www.ebay.it/

Quando si vende su eBay, le tariffe di vendita sono di due tipi principali: le tariffe di inserimento dell’inserzione quando si crea l’inserzione e/o le tariffe del valore finale quando si vendono gli oggetti.

Non ci sono tariffe di installazione, mensili o annuali di cui preoccuparsi.

In generale, le commissioni sul valore finale sono comprese tra il 10 e il 12% delle vendite.

7 – Overstock ecommerce

marketplace

Overstock è nato come ecommerce italiani che vendeva solo articoli in eccesso, in liquidazione e resi.

Oggi Overstock vende anche prodotti nuovi e ha rinnovato radicalmente il suo programma di affiliazione.

Come Target, ha un processo di revisione approfondito delle aziende a cui permette di vendere sulla piattaforma.

Il sito conta oggi più di 30 milioni di visitatori unici al mese.

Dopo aver rivisto la propria strategia nel 2011, l’azienda ha adottato un approccio più basato sulla comunità per quanto riguarda l’accesso alla piattaforma.

Overstock ora sceglie anche i partner che sostengono le sue iniziative, che sono progettate per aiutare gli artigiani globali, i rifugi per animali, i proprietari di piccole imprese e gli agricoltori.

Se siete idonei a vendere su Overstock, l’iscrizione è gratuita, con tariffe di inserzione da 0,10 a 3,15 dollari.

Il costo finale è del 3% per gli articoli venduti sotto i 25 dollari.

Se gli articoli non vengono venduti, è possibile inserirli di nuovo tutte le volte che si vuole finché non vengono venduti. I venditori hanno a disposizione opzioni per l’inserimento dei prodotti, che possono costare da 1 a 13 dollari.

Overstock addebita una tassa di consegna fissa di 4,95 dollari per tutti gli ordini inferiori a 45 dollari. Questi 4,95 dollari vanno a Overstock, non al venditore.

Molti venditori che utilizzano Overstock si avvalgono di soluzioni come Channel Advisor per gestire la loro presenza sul sito.

8 – Rakuten

ecommerce italiani

Rakuten è considerato “Amazon per il Giappone”.

Oltre il 90% degli utenti Internet giapponesi è registrato su Rakuten.

Rakuten si è espansa in almeno 29 Paesi, compresi gli Stati Uniti, e prevede di servire ancora più Paesi nei prossimi anni.

La piattaforma conta attualmente 44.000 venditori e 105 milioni di membri.

A differenza di Amazon, Rakuten non vende i propri marchi e il numero ridotto di venditori limita la concorrenza.

Se siete alla ricerca di un’alternativa a eBay o Amazon, vale la pena prendere in considerazione Rakuten, che offre un’elevata personalizzazione, grandi opportunità di commercializzazione dei prodotti, funzioni di ottimizzazione degli annunci e la possibilità di creare vetrine visive altamente personalizzate.

A questo punto, se avete intenzione di vendere online, cliccate il pulsante qui sotto e iniziate subito il corso.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite sul marketing per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!