Come funziona il posizionamento sui motori di ricerca?

www.google.it

Indice

Per classificare i siti web, Google utilizza i web crawler per scansionare e indicizzare le pagine. Ogni pagina viene valutata in base alla percezione di Google della sua autorità e utilità per gli utenti finali. Poi, utilizzando un algoritmo che include più di 210 fattori noti, www.google.it le classifica nella pagina dei risultati di ricerca.

Quindi, apparire più in alto nelle pagine dei risultati di ricerca per un dato termine di ricerca significa che sei il risultato più pertinente e autorevole per esso secondo Google.

Queste pagine di risultati di ricerca rispondono a specifiche query di ricerca composte da parole chiave e frasi.

L’AI di Google è anche in grado di capire il significato di ogni query e poi trasformarle in concetti piuttosto che in singole parole.

L’algoritmo funziona in modo simile a come noi umani comprendiamo ed elaboriamo il linguaggio, da cui il nome Natural Language Processing (NLP).

www.google.it

Gli algoritmi

Ma sarebbe ingiusto dire che la storia finisce così.

Come abbiamo determinato, ci sono più di 210 fattori conosciuti che influenzano le tue classifiche.

Ora conosciamo e comprendiamo i molti fattori che determinano il tuo ranking su www.google.it.

Tuttavia, alcuni di essi rimangono un mistero.

Questo perché alcuni fattori di ranking sono anche creati e modificati dagli algoritmi di intelligenza artificiale di Google.

Capire come Google pensa può sembrare un compito impossibile.

Ma non preoccupatevi perché ci sono alcune cose chiare e specifiche che potete fare per migliorare il vostro ranking di ricerca.

Google fa un sacco di cose per sostenere i webmaster e aiutarli a posizionarsi più in alto.

Una di queste cose è, per esempio, le interviste regolari con il loro portavoce John Mueller, che spesso spiega i concetti di come capire l’algoritmo e ottenere un posizionamento più alto.

Aggiornamenti

In effetti, Google ha anche un blog per condividere le notizie sugli ultimi aggiornamenti dell’algoritmo.

Sì, Google cambia regolarmente il modo in cui classifica i siti web.

Questi sono chiamati aggiornamenti dell’algoritmo, e accadono ogni giorno.

Per la maggior parte, si tratta di aggiornamenti minori, ma a volte Google rilascia aggiornamenti più grandi all’algoritmo.

Larry Page e Sergey Brin hanno sviluppato Google e il suo algoritmo di ranking nel 1996.

Tuttavia, nel corso degli anni, esso si è evoluto e ha costantemente incluso nuovi fattori.

Infatti, Google ha dichiarato pubblicamente che il loro algoritmo riceve aggiornamenti continui più volte al giorno.

In generale, si tratta di piccoli cambiamenti che migliorano i risultati di ricerca e adattano le pagine giuste a query specifiche. Abbiamo scoperto esattamente quante volte Google riorganizza i siti web al giorno, quindi continuate a leggere.

Ma di tanto in tanto, di solito ogni 3-6 mesi, Google rilascia anche aggiornamenti più grandi.

I Core Algorithm Updates di www.google.it

Questi sono conosciuti come “Core Algorithm Updates” e tipicamente influenzano milioni di siti web in una volta.

Per semplificare le cose, possiamo dire che questi importanti aggiornamenti avvengono quando Google “diventa significativamente più intelligente” e quindi può mostrare risultati di ricerca migliori.

Google cambia regolarmente il modo in cui classifica i siti web.

I cambiamenti minori si verificano su base giornaliera, e circa ogni trimestre riceviamo un aggiornamento algoritmico più grande.

Non possiamo prevedere i cambiamenti, ma basandoci sui dati storici, abbiamo modo di indovinare quando è previsto un aggiornamento.

Sia i cambiamenti minori che quelli maggiori influenzano quali siti appaiono dove nelle pagine dei risultati di ricerca di www.google.it.

Tuttavia, gli aggiornamenti maggiori tendono a cambiare le valutazioni in modo più drastico e durano più a lungo.

Se avete perso le vostre classifiche durante un aggiornamento di Google, il successivo processo SEO di solito comporta il loro ripristino.

Tali cali drastici di solito non colpiscono i siti web ben curati, ma nessuno è tecnicamente immune.

Qui c’è un buon post per saperne di più sul recupero del ranking.

www.google.it

Tecnologia di www.google.it

E naturalmente, man mano che il web diventa più diffuso e Google si espande, ci saranno aggiornamenti più regolari.

L’algoritmo riceve da 5 a 9 aggiornamenti minori ogni giorno.

Più l’algoritmo diventa avanzato, più frequenti sono gli aggiornamenti.

In base alla frequenza degli aggiornamenti, il numero di cambiamenti di posizione durante il giorno e l’ampiezza delle fluttuazioni, possiamo stimare quanto siano grandi e volatili gli aggiornamenti dell’algoritmo.

Dieci anni fa, tali cambiamenti avvenivano circa una volta al giorno su www.google.it

Tuttavia, nel 2018 sono stati effettuati oltre 3.200 cambiamenti, con una media di circa 9 aggiornamenti al giorno.

Rilasciano aggiornamenti dell’algoritmo più grandi ogni tre o quattro mesi.

Questo di solito accade circa quattro o cinque volte all’anno.

I loro aggiornamenti molto grandi di solito hanno nomi unici.

Il posizionamento su www.google.it

Per decidere quando aggiornare l’algoritmo di ranking, www.google.it si basa principalmente sui segnali dei webmaster e degli utenti.

Google tiene d’occhio sia ciò che i webmaster fanno con le loro pagine sia come gli utenti reagiscono a quel contenuto.

Cioè, l’obiettivo principale di Google è quello di fornire sempre lo stesso valore all’utente e quindi proteggerlo da pagine e contenuti non validi nei risultati di ricerca.

Se si accorge che il webmaster sta cercando di ingannare l’algoritmo e ottenere un vantaggio, o se vede qualche comportamento degli utenti che indica insoddisfazione per i risultati, Google prenderà provvedimenti.

Per esempio, questo aggiornamento è stato il recente “rich review snippet schema update”.

In breve, ha preso di mira le aziende che hanno usato recensioni incomplete e talvolta anche false e stelle di recensione su Google per ottenere più clienti.

In esso, Google ha specificamente sottolineato che la ragione per cui ha applicato questi cambiamenti era perché molte aziende hanno usato tattiche egoistiche per ottenere un vantaggio e posizionarsi più in alto.

Penalizzazioni su www.google.it

Ora è anche importante menzionare che ci sono stati anche alcuni aggiornamenti ospitati esclusivamente da Google, ma il loro obiettivo finale è sempre stato quello di fornire agli utenti contenuti migliori e meno parziali.

Tale, per esempio, è un aggiornamento piuttosto recente di “YMYL”.

L’aggiornamento, intitolato “Your Money or Your Life”, ha stabilito regole severe su chi e come può classificare contenuti potenzialmente dannosi per gli utenti.

In breve, quando un certo comportamento viene utilizzato per ottenere un vantaggio nei risultati di ricerca, prima o poi www.google.it lo rileverà e lo punirà.

I principali fattori di ranking on-page su www.google.it

È il momento di guardare quali fattori di ranking www.google.it sta monitorando da vicino per determinare cosa deve essere cambiato.

In breve, i fattori principali che determinano il posizionamento di un sito web nelle pagine dei risultati di ricerca sono l’utilità dei tuoi contenuti, la completezza tecnica del tuo sito web, e l’autorità del tuo sito web basata sui link ad altri siti web.

Per prima cosa, diamo un’occhiata più da vicino ai singoli fattori che influenzano il ranking di un sito web.

Poi, guarderemo cosa rende una pagina cattiva e come influisce sul ranking dei motori di ricerca. In primo luogo, stabiliamo che per contenuto della pagina intendiamo l’aspetto generale delle vostre pagine.

Tuttavia, ci sono diverse misure che Google prende in considerazione quando analizza il contenuto del tuo sito web.

In base all’analisi di altri siti web nel tuo settore.

Quali sono gli aspetti da valutare?

Hai usato il contenuto di qualcun altro o è originale?

Gli utenti rimangono a leggere per un po’?

O tornano rapidamente alla pagina dei risultati?

Scorrono verso il basso e interagiscono con il tuo contenuto?

Cliccano e visualizzano altre pagine?

Cliccano sui tuoi link interni e visualizzano altre pagine?

O hai dei link interrotti che non portano da nessuna parte?

Il tuo contenuto è davvero utile o lo stai solo riempiendo di parole chiave?

A seconda della lunghezza del contenuto e della rilevanza dell’argomento.

Probabilmente misurato anche dagli algoritmi NLP di Google.

L’ortografia estesa aumenta anche le possibilità di includere più parole correlate, il che può essere un buon segnale di ranking.

In poche parole, rappresentate bene la vostra pagina nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca?

I vostri title tag sono ottimizzati?

Le tue meta descrizioni sono aggiornate? I nomi del tuo marchio e del tuo sito web sono pertinenti?

www.google.it

Fattori di ranking off-page di www.google.it

E insieme fanno sì che l’utente clicchi sulla tua pagina durante la ricerca (noto anche come click through rate; CTR)?

Finora abbiamo esaminato i fattori di www.google.it che controllate direttamente sul vostro sito web.

Tuttavia, con i fattori off-page in mente, guardiamo cosa sta succedendo su altri siti web.

Quanti siti web si collegano a te?

Sono rilevanti per il tuo argomento e settore?

Un pensiero simile al punto precedente. Avete link in entrata che puntano a questa particolare pagina?

Le vostre pagine da siti rilevanti sono collegate contestualmente con un anchor text chiaro e descrittivo?

Quanti altri siti web si collegano a loro, quanto sono affidabili questi siti di riferimento, e i link sono rilevanti o spam?

Se un sito web è sugli animali domestici, un articolo sulle “auto” non farà bene (a meno che non sia sugli animali domestici, ovviamente).

La complessità della classificazione

Tutti questi (e molti altri) fattori segnalano a Google quanto il tuo sito sia degno di essere classificato nei risultati di ricerca.

Pagine con un alto tasso di rimbalzo.

Immagina questo: un utente cerca su Google la tua parola chiave. Vede la tua pagina su una pagina di risultati di ricerca di Google e ci clicca sopra. Poco dopo, lascerà la tua pagina o tornerà a cercare.

Questo tipo di interazione è considerato “rimbalzo” e aumenta la frequenza di rimbalzo. In questo caso, un aumento della frequenza di rimbalzo è negativo, e per Google, significa più persone che lasciano il tuo sito infelici.

Se ti serve una mano per migliorare il posizionamento del tuo sito web, clicca il pulsante qui sotto e richiedi subito una consulenza gratuita.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Vuoi fare business online? Allora, clicca il banner qui sotto e accedi gratis a oltre 200 corsi di digital marketing

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!

Inserisci i tuoi dati per entrare nell'Academy

Marketing

Inserisci la tua email e inizia gratis a studiare online marketing