Netflix apre agli annunci pubblicitari sulla sua piattaforma di streaming

italia-film

Indice

Netflix si sta finalmente aprendo agli annunci. Dopo aver perso abbonati per la prima volta in più di un decennio, il cambiamento di ancora ha implicazioni per gli inserzionisti e l’industria ad tech. Durante una riflessione di martedì sui guadagni del primo trimestre 2022, i dirigenti di Netflix hanno annunciato che l’azienda avrebbe iniziato a lavorare su come fare pubblicità sulla sua piattaforma e ciò avrà delle conseguenze anche per quanto concerne italia-film.

La mossa inverte l’avversione di lunga data della società alla pubblicità e viene dopo che lo streamer ha perso abbonati per la prima volta in più di un decennio.

Ora, mentre la crescita delle entrate affronta forti venti contrari, Netflix potrebbe finalmente aprirsi alla pubblicità, con le sue azioni in calo di quasi il 30% da quando ha riportato i guadagni il 19 aprile.

L’intenzione della dirigenza è quella di esplorare strategie di marketing per migliorare l’efficienza operativa migliorando l’esperienza degli utenti.

italia-film

Le dichiarazioni di Hasting su italia-film

Hastings ha detto che Netflix cercherà di capire come lanciare un programma a basso costo, supportato dalla pubblicità nel prossimo anno o due.

L’aggiustamento dei prezzi arriva settimane dopo che il direttore finanziario Spencer Neumann ha detto che la pubblicità non era attualmente nei piani della società, ma sembrava aprire la porta al cambiamento con un avvertimento “mai dire mai”.

Il drastico cambiamento riflette probabilmente il riconoscimento di Netflix che lo spazio di streaming che ha dominato per anni si sta evolvendo e che l’azienda deve tenere il passo se vuole rimanere un giocatore chiave anche per italia-film.

Nel corso degli anni, Netflix ha affrontato una serie di sfide che la pubblicità potrebbe aiutare a risolvere.

In una lettera agli azionisti, l’azienda ha osservato che la spinta legata alla pandemia ha messo in ombra le questioni chiave che stanno ostacolando la crescita, tra cui l’aumento della concorrenza da altre piattaforme di streaming e un gran numero di famiglie che condividono account, che si stima superi i 100 milioni.  

Mentre la decisione è stata influenzata dai difficili risultati dei guadagni, gli esperti hanno spinto Netflix per anni a implementare il video-on-demand (AVOD).

Attrarre abbonati su italia-film

Il tentativo di Netflix di offrire un livello AVOD per mantenere e attrarre abbonati è in ritardo.

La maggior parte dei grandi giocatori di contenuti offrono già un livello ad-supported o si stanno muovendo in quella direzione.

La mossa metterà Netflix alla pari con i rivali tra cui HBO Max, Freevee di Amazon (l’offerta di IMDb TV recentemente ribattezzata dall’azienda) e Disney+ (che ha annunciato che introdurrà un livello pubblicitario nel corso di quest’anno), e riflette la crescente domanda dei consumatori per contenuti promozionali più economici anche su italia-film.

Secondo un recente sondaggio di DeepIntent e LG Ads Solutions, due terzi degli spettatori statunitensi di CTV preferiscono guardare gli annunci se possono pagare meno per il servizio.

Può anche essere interessante per gli inserzionisti che hanno seguito i consumatori sui canali CTV e AVOD.

Lo streaming pubblicitario è salito alle stelle in popolarità a causa della crescente apatia dei consumatori verso i servizi di abbonamento a pagamento.

L’ingresso di servizi SVOD come Netflix nello spazio pubblicitario conferma l’opportunità che questo aumento di spettatori crea sia per gli editori che per i brand e dovrebbe contribuire ad accelerare lo spostamento dei budget dalla TV lineare allo streaming.

Nuova offerta

L’introduzione degli annunci di Netflix potrebbe aiutare i marketer a trarre vantaggio dalla nuova offerta di inventario, ha detto Milie Sciorra, offrendo più varietà e scala alle campagne CTV anche su italia-film.

Tutto ciò avrebbe anche l’effetto di essere una manna per l’industria dell’ad tech, con Hastings di Netflix che suggerisce che l’azienda potrebbe guardare ad altri fornitori per offrire la sua esperienza pubblicitaria.

Possiamo essere l’editore diretto e avere altre persone che si occupano di tutto l’abbinamento degli annunci e di integrare tutti i dati delle persone.

Tuttavia, qualsiasi piano di Netflix supportato dalla pubblicità sarà pronto man mano che gli annunci guidati dai dati a cui Hastings ha fatto riferimento diventeranno più complessi in mezzo a una privacy dei dati sempre più restrittiva.

Inoltre, il ritardo nella realizzazione di tali opportunità pubblicitarie è che il vantaggio di Netflix in termini di dati e algoritmi è stato spazzato via quando i conglomerati con tesori più profondi di dati dei consumatori, come Amazon e Disney, sono entrati nelle guerre dello streaming.

Il contatto con i consumatori

Secondo Andre Swanston, vicepresidente senior dei media e dell’intrattenimento di TransUnion, Netflix ha solo un punto di contatto con il consumatore, e il lancio della funzione “Due pollici in su” suggerisce che il suo vantaggio sui dati si sta riducendo.

La mossa di Netflix sembra inevitabile mentre lo spazio dello streaming entra nella sua prossima fase.

Tal Chalozin ha affermato che l’azione SVOD è diventata più facile dopo che il ruvido rapporto sui guadagni della piattaforma di streaming Roku ha mostrato che la prima azione definita dal taglio del cordone e dei contenuti per raggiungere le preferenze dei consumatori è finita dopo numeri deludenti Acquisire, confezionare e compensare i programmi supportati dalla pubblicità.

Nonostante le sfide dell’implementazione di un livello ad-supported, la mossa potrebbe essere una componente chiave per far tornare in pista Netflix anche su italia-film.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite sul marketing per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!