Google Alert, come funziona realmente?

google.alert

Indice

Google Alert è facile da impostare – basta cercare una parola chiave, fare clic su “crea avviso” e voilà, abbiamo un nuovo google.alert. Google inizierà a inviare avvisi e-mail ogni volta che trova aggiornamenti sul web che corrispondono alla nostra parola chiave.

Questo è uno dei servizi di monitoraggio internet più popolari.

La maggior parte dei professionisti lo usa o lo ha usato in un momento o nell’altro.

Tuttavia, è al di sotto delle aspettative di molti marketer.

Troppo spesso questo porta a risultati indesiderati o manca quelli importanti.

Stranamente, le informazioni mancanti negli avvisi possono a volte essere trovate con una semplice ricerca su Google.

Questo fa capire alle organizzazioni la necessità di un’alternativa a Google Alert.

La qualità delle nostre decisioni dipende dalle informazioni che abbiamo.

Pertanto, è necessario capire come funziona Google Alert e perché non funziona in alcuni casi.

Questa comprensione ci aiuterà a definire correttamente le nostre aspettative e a intraprendere azioni correttive quando Google Alert non funziona.

Questo post valuta lo stato attuale di Google Alert e cerca di capirlo guardando il suo percorso di vita dalla sua nascita ad oggi.

google.alert

Caratteristiche di google.alert

Si tratta di valutare quanto siano importanti i google.alert per Google, perché si stanno perdendo, quali informazioni mancano e come creare gli avvisi di mercato e l’intelligence competitiva che ci meritiamo.

Inizierò condividendo alcune delle mie osservazioni.

Ho creato un sacco di avvisi, e dopo aver ceduto alla raffica di informazioni inviatemi, ho dovuto cancellarli.

Per esempio, non molto tempo fa avevo bisogno di saperne di più sull’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO). Ho creato una notifica “SEO“.

Questo si è rivelato un errore.

Quasi la metà delle mie raccomandazioni sono di celebrità coreane come Park Seo e Danny Seo.

Ho provato a cancellare i miei avvisi aggiungendo questi nomi come parole chiave negative, ma ce ne sono troppi.

Ho rimosso la Corea (“-korea”) e tutte le celebrità (“-celebrity”), ma neanche questo ha aiutato. Le mie notifiche contengono ancora notizie di celebrità coreane.

Mentre cercavo di imparare il SEO, per strane ragioni, ho scoperto l’incredibile bacio alla francese di Park Seo.

Google non mi ha mai inviato alcuna istruzione su come utilizzare Google Alerts.

Non ho mai ricevuto un’e-mail con consigli, nessuna guida, nessun tutorial, e assolutamente nulla da Google per aiutarmi con Google Alerts.

Ti stai chiedendo perché l’opzione “Create Alert” è disponibile solo su Google News e non su altre pagine di Google?

google.alert non è solo un sito di notizie

Molte persone credono ancora erroneamente che i google.alert siano solo per le notizie.

Inoltre, perché tutti i miei avvisi vengono inviati alla stessa ora?

Perché la possibilità di cambiare l’ora è nascosta in alcune impostazioni oscure?

Perché non posso creare due avvisi con la stessa parola chiave ma con parametri diversi?

Per esempio, non posso usare l’opzione “Tutti i risultati” per creare un promemoria giornaliero per la mia azienda, né posso usare l’opzione “Solo i migliori risultati” per creare un promemoria settimanale.

Perché l’oggetto di un avviso deve essere una parola chiave di ricerca?

Perché non posso fornire un oggetto significativo, come perché non posso dare un nome al mio avviso?

Per esempio, quando cerco su Google SEO, non ottengo notizie sulle celebrità coreane.

L’importanza degli avvisi

Sembra che Google non voglia che usiamo gli avvisi.

Ci sono così tante piccole cose che non hanno senso.

Il nostro team tecnico ha sviluppato un software per monitorare le informazioni specifiche dei siti web rilevanti, che vengono visualizzate direttamente nel nostro CMS, il che fa risparmiare molta larghezza di banda al mio team.

La combinazione di questo sistema e dei nostri analisti ci ha dato ciò di cui avevamo bisogno.

Come soluzione integrata, è più efficiente e personalizzata.

Ho discusso questi problemi con il mio team e abbiamo deciso di raccogliere più dati da altre angolazioni.

Abbiamo condotto uno studio dettagliato per valutare l’efficacia di Google Business Monitoring Alerts, una componente chiave del nostro marketplace e dei prodotti di competitive intelligence di Contiify.

Abbiamo impostato google.alert per diverse aziende e abbiamo ricevuto aggiornamenti per il 92% di esse.

Tuttavia, abbiamo scoperto che solo il 10% degli aggiornamenti erano rilevanti per il business.

L’altro 90% non era così unico o irrilevante come gli aggiornamenti delle azioni o non riguardava l’azienda.

Gli aggiornamenti del sito

Gli avvisi di Google non includono i principali aggiornamenti del sito web dell’azienda e dei suoi social media – mancano gli aggiornamenti sulle nuove caratteristiche dei prodotti, i premi vinti, gli accordi di vendita, l’espansione del business e altro.

Stranamente, questi aggiornamenti sono disponibili in Google Search, ma Google non li include negli avvisi.

Il team di ricerca Contiify ha anche condotto un sondaggio chiedendo alla nostra comunità circa la loro esperienza con google.alert.

Il 39% ha detto che stavano ricevendo troppi link, mentre uno sbalorditivo 92% ha detto di non fare affidamento su di esso perché non ha ottenuto tutti gli aggiornamenti – soprattutto, di solito si perdono.

I dati hanno confermato la mia intuizione.

Ma perché Google dovrebbe fare questo?

Diamo un’occhiata più da vicino dalla prospettiva di Google dall’inizio.

google.alert

La verità su google.alert

A partire dall’11 settembre 2001, Google non era in grado di fornire alcun aggiornamento sugli attacchi terroristici o sulle vittime.

Bisognava fare qualcosa.

Un anno dopo, nel settembre 2002, Google ha lanciato Google News.

Fu un successo immediato e gli utenti lo amarono. Ma i siti di notizie lo odiavano. Ha cambiato il modo in cui abbiamo scoperto le novità.

Ha anche involontariamente generato google.alert.

Questo è successo perché Nage Kataru, un ingegnere di Google, aveva bisogno di seguire le notizie.

Nel 2003, il Qatar si stancò di controllare regolarmente Google News per gli aggiornamenti sugli sviluppi relativi all’invasione statunitense dell’Iraq.

Google News

Google News è diventato la principale fonte di notizie per milioni di utenti.

In precedenza, i lettori andavano sulla home page di un sito di notizie e, oltre ad esse, leggevano altri contenuti come intrattenimento, sport, lifestyle e altro.

Google News ha trasformato questi lettori impegnati in visitatori una tantum che atterravano direttamente sulla pagina della storia e ci saltavano sopra, di solito tornando a Google News.

Google ha trasformato il giornale da un ristorante gourmet in una vetrina; con Google News come capobanda che decide quale visitatore ottiene quale finestra.

Portando via i lettori, e con essi le entrate pubblicitarie, Google ha danneggiato l’essenza stessa del modello di business dei giornali.

I giornali hanno dichiarato guerra a Google.

Come uno scherzo crudele, google.alert ha fatto a Google quello che Google News ha fatto ai siti di notizie.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Vuoi fare business online? Allora, clicca il banner qui sotto e accedi gratis a oltre 200 corsi di digital marketing

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!

Inserisci i tuoi dati per entrare nell'Academy

Marketing

Inserisci la tua email e inizia gratis a studiare online marketing