PageSpeed Insights, cos’è e come funziona?

Insight Pagespeed

Indice

Non è un segreto che la velocità sia diventata l’elemento critico per aumentare i ricavi e diminuire i tassi di abbandono. Ora che Google utilizza i core Web Vitals come fattore di ranking, molte organizzazioni si stanno concentrando sulle prestazioni. In questa guida vi sveleremo come Insight Pagespeed calcola il suo cruciale Speed Score. Ma cosa succede con le altre metriche?

Nel marzo 2018, l’indicizzazione è stata modificata per basarsi sulle versioni mobili delle pagine, anziché su quelle desktop.

A luglio 2018, l’algoritmo di ranking SEO è stato aggiornato per incorporare la velocità della pagina come fattore di ranking, sia per le pagine mobili che per gli annunci.

La velocità dei siti per dispositivi mobili influisce sulle classifiche SEO complessive.

Velocità di caricamento delle pagine e Insight Pagespeed

Insight Pagespeed

Se le vostre pagine sono lente da caricare, questo abbasserà il Punteggio di qualità degli annunci, che è il valore degli annunci.

I siti più veloci non solo migliorano l’esperienza dell’utente; dati recenti dimostrano che migliorare la velocità del sito riduce anche i costi operativi.

Come noi, anche i nostri utenti attribuiscono grande valore alla velocità: ecco perché abbiamo deciso di tenere conto della velocità del sito nelle nostre classifiche di ricerca.

Per comprendere l’impatto di questi cambiamenti sulle prestazioni, dobbiamo conoscere la tecnologia che ne è alla base.

PageSpeed 5.0 è una revisione totale delle versioni precedenti.

Ora è alimentato da Lighthouse e CrUX (Chrome User Experience Report).

Questo aggiornamento porta con sé anche un nuovo algoritmo di punteggio, che rende molto più difficile ottenere punteggi PageSpeed elevati.

Prima della versione 5.0, PageSpeed eseguiva una serie di euristiche su ogni pagina.

Se una pagina conteneva immagini grandi e non compresse, PageSpeed suggeriva di comprimerle.

Queste euristiche sono abbinate a una serie di linee guida che, se seguite, possono portare a prestazioni migliori, ma sono solo sommarie e non analizzano realmente le esperienze di caricamento e rendering affrontate dai visitatori reali.

Insight Pagespeed 5.0

In PageSpeed 5.0, le pagine sono state caricate in un browser Chrome reale, controllato da Lighthouse.

Lighthouse registra le metriche del browser e calcola un punteggio globale delle prestazioni.

Vengono suggerite linee guida per il miglioramento in base al punteggio di determinate metriche.

Come Insight Pagespeed, anche Lighthouse ha un punteggio delle prestazioni.

In PageSpeed 5.0, il punteggio delle prestazioni viene preso direttamente da Lighthouse.

Il punteggio delle prestazioni di PageSpeed è ora identico a quello di Lighthouse.

Ora che sappiamo da dove proviene il punteggio di PageSpeed, approfondiamo come viene calcolato e come possiamo apportare miglioramenti significativi.

Lighthouse e Insight Pagespeed

Lighthouse è un progetto open-source gestito da un team di dipendenti di Google Chrome.

Negli ultimi due anni è diventato un popolare strumento gratuito per la profilazione delle prestazioni.

Lighthouse utilizza il protocollo di debug remoto di Chrome per leggere informazioni sulle richieste di rete, misurare le prestazioni di JavaScript, monitorare gli standard di accessibilità e misurare le metriche di tempo rilevanti per gli utenti, come Large Contentful Paint, Time To Interactive o Total Blocking Time.

Se siete interessati a ottenere una panoramica di alto livello dell’architettura di Lighthouse, leggete questo tutorial dal repo ufficiale.

Durante i test delle prestazioni, Lighthouse registra molte metriche che si concentrano su ciò che l’utente vede e sperimenta.

Sono 6 le metriche utilizzate per generare una valutazione complessiva delle prestazioni.

Lighthouse applica un modello di punteggio da 0 a 100 per ciascuna di queste metriche.

Questo processo funziona prendendo il 75° e il 95° percentile per il dispositivo mobile dall’archivio HTTP e applicando la Log Normal Function.

Seguendo gli algoritmi e i dati di riferimento utilizzati per il calcolo del tempo di interazione, vediamo che se la pagina è riuscita a diventare “interattiva” entro 2,1 secondi, il punteggio della metrica del tempo di interazione sarà di 92/100.

Una volta attribuito il punteggio a ogni metrica, viene assegnata una ponderazione che viene utilizzata come modificatore nel calcolo del punteggio complessivo delle prestazioni.

Queste ponderazioni si riferiscono all’effetto di ciascuna metrica sull’esperienza degli utenti mobili.

Time To Interactive

Insight Pagespeed

Il Time To Interactive (TTI) è la metrica più ponderata, quindi per ottenere un punteggio più alto è necessario misurare la velocità del TTI.

Utilizzate il calcolatore di punteggio di Lighthouses Insight Pagespeed per vedere la correlazione tra le metriche e i punteggi delle prestazioni in tempo reale.

Dove possibile, eliminare il codice JavaScript inutilizzato o concentrarsi sulla spedizione dei soli script che verranno eseguiti dalla pagina corrente.

Ciò può significare l’eliminazione dei vecchi polyfill o la sostituzione delle librerie di terze parti con alternative più piccole e moderne.

È importante tenere presente che i costi degli script JavaScript vanno oltre il tempo di caricamento.

Il browser deve decomprimerlo, analizzarlo, compilarlo e infine eseguirlo, tutte operazioni che richiedono un tempo non banale, soprattutto sui dispositivi mobili.

Esaminare e rimuovere tutti i polyfill non più necessari per il pubblico.

Comprendere i costi di ogni libreria JavaScript di terze parti. Utilizzate WebPack-Bundle-Analyzer o Source-Map-Explorer per visualizzare le dimensioni di ogni libreria.

I moderni strumenti JavaScript, come webpack, sono in grado di suddividere un’applicazione JavaScript di grandi dimensioni in una serie di pacchetti più piccoli, che vengono caricati automaticamente quando l’utente naviga.

Questa tecnica è nota come code splitting ed è incredibilmente potente per migliorare il TTI.

Service Worker e Insight Pagespeed

I Service Worker memorizzano nella cache il bytecode dei risultati dello script analizzato e compilato.

Se si è in grado di approfittarne, i visitatori pagheranno il costo delle prestazioni una volta per l’analisi e la compilazione, che sarà poi mitigato dalla cache.

In questo modo, si dispone di dati sia nei casi positivi che in quelli negativi su ciò che i clienti stanno sperimentando.

È giunto il momento di accettare che i vostri clienti non utilizzino apparecchiature così potenti come voi.

Per ottenere risultati ottimali per la profilazione delle prestazioni JavaScript, le pagine di test vengono utilizzate su dispositivi mobili deliberatamente più lenti.

Se avete un vecchio telefono che giace nel cassetto, è una buona seconda vita.

Una fantastica alternativa all’uso di un dispositivo reale è l’utilizzo della modalità di emulazione hardware di Chromes con DevTools.

Sono influenzate da fattori simili e spesso possono essere migliorate contemporaneamente.

È oggettivamente più facile migliorare queste metriche, poiché sono calcolate a partire dalla velocità di rendering della pagina.

Seguendo attentamente le regole di Insight Pagespeed Lighthouse Performance Audit, si otterranno miglioramenti in queste metriche.

Se non state già precaricando i font o mettendo a punto le richieste critiche, questo è un ottimo punto di partenza per iniziare il viaggio nelle prestazioni.

Il nostro articolo sulle richieste critiche approfondisce il modo in cui i browser recuperano e visualizzano le risorse critiche utilizzate per visualizzare le vostre pagine.

Ulteriori considerazioni

Search Console, Lighthouse e Insight Pagespeed, recentemente aggiornati da Google, sono ottimi strumenti per ottenere una visibilità immediata sulle prestazioni delle pagine, ma non sono sufficienti per i team che devono monitorare e migliorare continuamente le prestazioni delle pagine.

Il monitoraggio continuo delle prestazioni è fondamentale per assicurarsi che i miglioramenti della velocità siano duraturi e che i team ricevano notifiche istantanee in caso di regressioni.

I test manuali introducono una variabilità imprevista nei risultati e la realizzazione di test tra regioni e dispositivi diversi è quasi impossibile senza ambienti di laboratorio dedicati.

La velocità è diventata un elemento critico nelle classifiche SEO, in particolare con quasi il 50% del traffico internet proveniente da dispositivi mobili.

Per evitare di perdere posizioni in classifica, assicuratevi di utilizzare una moderna suite di performance per monitorare le pagine chiave.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!

Inserisci i tuoi dati per entrare nell'Academy