Listino prezzi per parrucchieri: come crearne uno efficace che attiri clienti e ti faccia guadagnare

Listino prezzi per parrucchieri

Indice

Il listino prezzi di un salone di parrucchieri è un elemento di marketing fondamentale per la crescita e il sostentamento del tuo negozio.

Come altri contenuti proposti al pubblico, anche un menù dei servizi offerti con i relativi prezzi potrebbe convertire semplici curiosi in clienti o, viceversa, allontanarli perché non apprezzano il rapporto costi benefici.

È dunque molto importante dedicare del tempo alla stesura di un listino prezzi in modo da accontentare le esigenze di risparmio dei clienti ma, allo stesso tempo, far capire loro che la qualità del lavoro è alta e va premiata.

Per questo motivo ho pensato a te e ho scritto questa guida alla creazione del listino prezzi per parrucchieri: perché è importante, quali errori evitare e come rendere questo strumento il tuo migliore alleato di marketing.

Seguimi.

Listino prezzi dei parrucchieri
L’importanza dei prezzi in un salone di bellezza

Il cliente è venale?

Un po’ e un po’.

Certamente i prezzi invogliano o respingono le persone a provare i tuoi servizi, ma non è tutto.

Come ripeterò altre volte nel corso di questo articolo, non è il costo dell’acconciatura ad allontanare il tuo cliente, ma la cattiva gestione dell’esperienza nel salone.

Punta sempre alla qualità.

Non usare prodotti scadenti per abbassare i prezzi con l’illusione di attirare più persone.

Non velocizzare i trattamenti per gestire più clienti in una giornata sottovalutando i risultati.

Un cliente torna nel tuo salone perché si è trovato bene ed è meno costoso gestirne uno abituale che trovarne di nuovi.

È una regola fissa del marketing.

Ciò non significa offrire servizi di qualità e non prestare attenzione ai prezzi.

Soprattutto in questo periodo di crisi, è giusto che le attività ci guadagnino, soddisfando le esigenze di titolari e staff.

Dipendenti ben pagati lavoreranno con più entusiasmo, daranno risultati migliori e proficui.

I prezzi non sono tutto in un’attività, ma certamente devono essere studiati in modo che il salone di acconciature venga ben gestito e soddisfi tutti, clienti e staff.

Se ogni cosa funziona bene, allora i guadagni cresceranno e sparirà ogni preoccupazione dal punto di vista economico.

Listino prezzi dei parrucchieri
Aspetti da considerare prima di passare alla stesura di un listino prezzi

Prima di occuparti della redazione del listino prezzi per parrucchieri è necessario dedicarsi ad altre attività preliminari.

I costi dei tuoi servizi non possono essere decisi senza una base di partenza, considerando solo la qualità del risultato finale o il tempo che impieghi per portarli a termine.

Certamente, anche questi sono aspetti di cui devi tenere conto, ma non sono gli unici.

Prenditi un po’ di tempo armato di calcolatrice e scrivi appunti su cosa devi considerare prima di dare un prezzo a ciò che offri.

Valuta:

  • I costi fissi della tua attività: parlo dell’affitto del salone, delle spese in pulizia, le bollette;
  • I costi variabili della tua attività: ovvero eventuali guasti alla strumentazione, nuovi attrezzi per acconciare i capelli, una consulenza;
  • Lo stipendio dei dipendenti;
  • Il tuo stipendio;
  • Le tasse;
  • Il costo dei prodotti che usi;
  • Il costo della pubblicità;
  • Il tempo che impieghi per svolgere un servizio piuttosto che un altro (più tempo richiede e meno ne puoi dedicare ad altri servizi);
  • La qualità del risultato.

L’errore che molti parrucchieri fanno è non osservare il rapporto tra costi e guadagni in un’ottica generale.

Spesso sono convinti che, abbassando i prezzi o lanciando offerte e sconti senza criterio, i clienti arrivino e si guadagni di più.

Non è così.

Bisogna prestare attenzione alle necessità dell’attività nella sua interezza.

Devi valutare quanto spendi alla fine di ogni mesi per mantenere aperto il tuo salone e pagare i dipendenti e attribuire un prezzo giusto a ogni servizio in modo che, a fine mese, i guadagni supereranno le spese inevitabili.

Quindi, ecco il primo passo per stilare un listino prezzi dei parrucchieri corretto: guarda la tua attività da una prospettiva più ampia, non concentrarti sul singolo servizio, ma guardalo nell’ottica dei vantaggi che può portare a fine mese.

Listino prezzi dei parrucchieri
Da dove cominciare?

Comprendi al centesimo quanto ti costa ogni servizio: la quantità di shampoo e di colore che usi, per quanti minuti va il phon, l’acqua corrente, quanto tempo ci vuole per portarlo a termine e quali altri servizi ti impedisce di svolgere (una colorazione impiega più impegno e tempo di una semplice spuntatina).

Una volta dato un prezzo maggiore dei costi, sottraili.

Poi togli le tasse che dovrai versare e il costo della manodopera.

Se il risultato ti permette di guadagnare bene, allora il prezzo che hai attribuito al servizio è corretto.

Scegli di proporre solo servizi che accolgono le richieste dei clienti, che puoi portare a termine velocemente, senza eccessive spese e che sai fare davvero bene.

Prezzi bassi non vuol dire più clienti

Non sentirti costretto a “venire incontro” al cliente.

Hai un’attività da tenere in piedi, uno staff da pagare e una tua vita da mantenere, non sono concessi sconti a nessuno.

Abbassare i prezzi senza criterio non fa percepire questa scelta come un’agevolazione al cliente e quindi non si sentirà spinto a sceglierti.

È come buttare via i soldi, insomma.

Marketing per hairdresser
Alzare i prezzi non vuol dire perdere clienti

I tempi cambiano, così come il mercato e le esigenze dei tuoi clienti.

Alcuni parrucchieri hanno paura di aumentare i loro prezzi anche di poco, perché temono l’allontanamento del cliente.

Non è così, se in passato hai offerto servizi di qualità.

Ecco un altro consiglio che va oltre il tuo listino prezzi per parrucchieri: concentrati sulla qualità del lavoro che offri, su quella dell’ambiente del tuo salone e del tuo staff.

Sotto questo punto di vista, il prezzo è solo un numero.

Il cliente si accorgerà di quei 5€ che hai aggiunto al listino, ma non presterà così tanta attenzione se ciò che offri lo soddisfa.

La qualità si paga volentieri.

Soprattutto in momenti di crisi economica come quello che stiamo vivendo, è fondamentale adattarsi alle oscillazioni del mercato.

Se le tasse, le bollette, il costo dei prodotti aumenta, allora i tuoi prezzi dovranno aggiustarsi, indipendentemente da ciò che vogliono i clienti.

Ti consiglio, però, di avvisare sempre dell’aumento dei prezzi per mantenere i clienti meno fedeli anche dopo la modifica.

Puoi, per esempio, inviare una mail concentrandoti sul rapporto tra aumento dei prezzi, ma anche della qualità; oppure, per i primi tempi, puoi offrire dei piccoli sconti, minori dell’aumento.

L’ideale sarebbe creare un menù servizi.

Strategie di marketing per parrucchieri
Ragiona sul tuo target e anche sul tuo salone

Ci sono degli aspetti “silenziosi” che influiscono sul tuo listino prezzi per parrucchieri: la città in cui hai aperto l’attività, la tua clientela e la tua proposta.

Una piega nel centro di Milano costa di più che una in provincia, è logico.

L’affitto vicino al Duomo costa di più.

Se la tua proposta si rivolge a una clientela di signore, magari anche con una certa notorietà o disponibilità economica, è inevitabile che i tuoi prezzi possano alzarsi.

Queste donne cercano più qualità, prodotti con determinati effetti e sono molto più esigenti rispetto a una ragazza giovane.

Se il tuo target di riferimento è quest’ultimo, puoi giocare con prodotti dall’elevato rapporto qualità prezzo, offerte lanciate sui social network.

Non sottovalutare la presentabilità del tuo listino prezzi

Come già detto, il listino prezzi per parrucchieri è uno strumento di marketing vero e proprio al pari di un bel sito web curato, campagne social efficaci, volantini ben studiati, ecc…

Perché, dunque, ridurre il listino prezzi a un semplice foglio di carta?

Deve diventare un menù servizi, bello da vedere, chiaro, ordinato e completo.

Dovrebbe spingere il cliente a risolvere tutti i suoi dubbi, non a crearne di ulteriori.

Come altri strumenti di marketing, deve parlare di te: contenere il tuo logo, raccontare ciò che offri, perché sei unico rispetto ai concorrenti e i prezzi devono essere ben chiari.

Se il listino prezzi per parrucchieri non viene curato, allora rischi che i clienti non si interessino al tuo salone di bellezza.

Questo strumento deve avere un forte potere attrattivo, non repulsivo.

Non fornire degli intervalli di prezzo: il trattamento x costa dai 30 ai 40 euro è una voce sbagliata.

È bene essere precisi e chiari, in modo da non creare confusione o fraintendimenti.

Non stai solo informando i clienti sui costi di ciò che offri, ma li stai anche persuadendo a provare i tuoi servizi.

Dunque, sii creativo, ma anche coerente con la tua attività.

Coinvolgi i tuoi clienti

Punta sul coinvolgimento emotivo, racconta il tuo lavoro, senza dilungarti troppo, ma neanche tralasciando dettagli importanti.

Il listino prezzi per parrucchieri deve essere breve, ma rispondere a tutte le possibili domande del cliente.

Come vale per il sito web, anche il listino prezzi deve guidare l’attenzione del cliente.

Questo, deve essere invitato a completare il suo acquisto.

Ecco perché dovresti valutare di proporre i servizi dal più economico al più costoso, ma anche evidenziare quelle acconciature che ti fanno guadagnare di più a fronte di una spesa e un impiego di tempo minimi.

Concentra la tua attenzione su ciò che ti rende unico e lascia che il cliente scelga proprio questi servizi che sono quelli, tra l’altro, che ti porteranno maggiori guadagni.

Punta a venderne tanti e tutti i giorni e gli incassi cresceranno.

Come vale per il tuo sito web, esistono strumenti gratuiti online che possono aiutarti a scegliere modelli preimpostati di listini prezzi, ma personalizzabili.

Sto parlando del fedele Canva, di Flipsnack, ma anche siti di piccole aziende che forniscono eleganti e coinvolgenti layout su cui costruire il proprio listino prezzi.

Marketing per acconciatori
Il listino prezzi si può modificare

Come altri strumenti di marketing, è giusto che il listino prezzi venga testato e migliorato, sia sotto l’aspetto economico che estetico.

Soprattutto se si tratta della tua prima attività, non sarà immediato azzeccare i prezzi dei tuoi servizi in modo che coprano tutte le spese e ti facciano anche guadagnare.

Ci saranno poi eventi che ti spingeranno a variare sia ciò che offri che il suo valore: i prezzi seguono le oscillazioni del mercato e vanno mantenuti competitivi.

Ciò non significa abbassarli senza criterio, ma mantenerli appetibili per i clienti tenendo conto di tre aspetti:

  • cosa propone la concorrenza;
  • i periodi di crisi, come l’ultimo che stiamo vivendo;
  • l’aumento o la diminuzione dei costi dell’attività.

Quando parlo di concorrenza, non sto dicendo che i tuoi prezzi debbano adattarsi a quelli degli altri: un altro salone potrebbe avere più personale, essere più veloce o più lento a gestire i clienti.

Ciò che ti voglio dire è di non discostarti troppo dai prezzi del mercato.

Non devi proporre servizi troppo economici, ma neanche eccessivamente cari.

Nel primo caso, non riuscirai a coprire le spese e a guadagnare, nel secondo attirerai solo clientela ricca o anche nessuno.

Altro consiglio è di adattare i prezzi alle esigenze tue e del tuo staff, ma anche ai costi dei fornitori.

Se loro aumentano i prezzi dei prodotti, anche tu dovrai aggiungere dei compensi ai tuoi servizi.

Se l’affitto del negozio aumenta, dovrai aggiustare il listino in modo da coprire questa spesa.

Non apportare queste modifiche, non prestare attenzione ai cambiamenti intorno a te, ti porteranno inevitabilmente al fallimento.

Conclusioni

Il listino prezzi deve adeguarsi a tutti gli aspetti del tuo salone di bellezza: ai tuoi costi di gestione, alla qualità del servizio e ai tempi impiegati per portarlo a termine.

Ecco gli elementi fondamentali per creare e gestire al meglio il tuo listino prezzi:

  • considera tutti i costi che richiede ogni singolo servizio e aumenta i prezzi per raggiungere una cifra ottimale di guadagno;
  • considera, in ottica più generica, i costi dell’attività e adatta i prezzi in modo da coprirli e guadagnare;
  • crea un listino prezzi bello, invitante, chiaro e preciso. Deve essere in linea con il tuo salone di bellezza, i prezzi devono essere evidenti e fai in modo che il cliente focalizzi la sua attenzione sui servizi che ti fanno guadagnare di più a fronte di un dispendio di tempo e denaro minore;
  • aggiorna il listino prezzi ogni volta che noti cambiamenti nei costi dell’attività o quando vuoi aggiungere trattamenti e offerte;
  • non temere di aumentare i prezzi. Questo non ti farà perdere i clienti;
  • quando aumenti i prezzi, avvisa la clientela almeno con due o tre settimane di anticipo.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

Iscriviti alla newsletter per conoscere le novità

error: Content is protected !!