Webrooming, cos’è e come funziona

webrooming

Indice

Il webrooming è il processo di acquisto di beni quando il consumatore guarda i prodotti online e poi li acquista nei negozi. Il webrooming è l’opposto del window shopping, in cui il consumatore visita il negozio fisico per verificare un prodotto e poi lo acquista on-line a un costo inferiore. Il webrooming descrive quindi la pratica dei consumatori di ricercare i prodotti online e poi acquistarli nel negozio fisico. Le ricerche indicano che il webrooming è più diffuso per prodotti come elettrodomestici (58% di tutti gli acquisti), elettronica (54%) e abbigliamento (49%). Questa pratica è utilizzata soprattutto dai consumatori della Generazione X, che effettuano ricerche approfondite sui prodotti online prima di acquistarli, e dai consumatori Millennial, che si affidano ai dispositivi per migliorare l’esperienza di acquisto.

Alcuni consumatori acquistano in negozio per evitare di pagare le spese di spedizione.

Altri vogliono vedere e toccare il prodotto prima di impegnarsi nell’acquisto. Un po’ controintuitivamente, il desiderio di esperienza tattile è anche la forza trainante dello show-rooming.

Secondo la pubblicazione online Small Business Trends, circa il 42% dei consumatori controlla online i livelli di inventario del negozio prima di visitarlo, per evitare di dover fare un lungo viaggio in auto.

In altre parole, il loro intento principale è quello di acquistare in negozio.

Una percentuale di consumatori vorrebbe avere la possibilità di restituire i prodotti anche in negozio.

In generale, la restituzione dei prodotti in negozio è considerata più semplice rispetto all’invio ai rivenditori online.

Ecommerce e webrooming

webrooming

Il fenomeno dell’eCommerce si verifica anche perché i consumatori sono riluttanti a effettuare un ordine online e sono costretti ad aspettare la consegna del prodotto.

I critici del passaggio al commercio elettronico sostengono che pratiche come il webrooming stiano costringendo i negozi fisici a chiudere i battenti.

Tuttavia, è possibile che i rivenditori che stanno soffrendo in questo ambiente siano quelli che sono stati catturati da un’ondata di preferenze dei consumatori in rapida evoluzione.

Per sopravvivere nel settore della vendita al dettaglio di oggi, le aziende devono fare in modo che i consumatori si spostino facilmente tra l’acquisto di prodotti online e quello nei negozi.

Ciò significa che devono soddisfare il mix di window shopping e webrooming, nei negozi, nelle app, nei siti web e in tutti gli altri canali che i consumatori considerano per prendere le decisioni di acquisto.

Il Webrooming sembra essere in aumento nell’ultimo anno.

Mentre, al contrario, lo showrooming è segnalato solo dal 57% dei consumatori.

Questi dati indicano che il futuro del rooming online – e, di conseguenza, della vendita al dettaglio nei negozi – non è così cupo come suggeriscono alcuni critici.

La ricerca dei prodotti e il webrooming

Il webrooming descrive la pratica dei consumatori di ricercare i prodotti online e poi acquistarli nei negozi fisici.

Il webrooming si concentra generalmente nei settori degli elettrodomestici, dell’elettronica e dell’abbigliamento.

In generale, questa pratica è guidata dall’evitare i costi di consegna, dal desiderio di esperienze tattili, dai livelli di inventario dei negozi, dalla facilità di restituzione dei prodotti e dall’impazienza.

Alcuni suggeriscono che l’ascesa dello showroom e del settore dell’e-commerce renderebbe insostenibili sia il Webrooming sia i negozi fisici.

Tuttavia, i dati indicano che il webrooming è il più popolare e i rivenditori devono includere un mix dei due per servire i consumatori.

Il bundling è un processo commerciale in cui una serie di blocchi all’interno di una catena del valore vengono raggruppati insieme per catturare i consumatori, mentre il bundler sfrutta le proprie reti di distribuzione per limitare la concorrenza e conquistare quote di mercato nei mercati vicini.

Si tratta di una strategia guidata dalla distribuzione in cui gli operatori storici fanno leva sulle loro posizioni dominanti.

Disaccoppiamento

webrooming

Il disaccoppiamento è la terza ondata (2006 – ancora in corso) in cui le aziende si staccano dalle catene del valore dei loro clienti per fornire parte del loro valore, ma non sostengono i costi per sostenere le loro intere catene del valore.

L’unbundling è un processo aziendale in cui un insieme di prodotti o blocchi all’interno della catena del valore viene scomposto per fornire un valore migliore, eliminando le parti della catena del valore che non hanno lo stesso valore per i consumatori e mantenendo ciò che i consumatori apprezzano di più nel tempo.

Ci sono tre ondate nella disruption del modello di business: Unbundling (1994-99), Disintermediazione (2000-05) e Decoupling (dal 2005 in poi).

Oggi, la forza dirompente nel mondo degli affari è un’ondata di disaccoppiamento.

Si tratta nel webrooming di scomporre la catena del valore di un cliente, identificando le attività di valore che potrebbero essere svolte dal decoupler, che potrebbe sottrarre una parte significativa del valore aziendale agli operatori storici.

Innovazione e webrooming

Il termine innovazione dirompente è stato descritto per la prima volta da Clayton M. Christensen, scienziato e consulente aziendale americano, definito dall’Economist “il più influente pensatore di management del suo tempo”.

L’innovazione dirompente descrive un processo in cui un prodotto o un servizio si fa strada in un mercato a basso rischio e finisce per soppiantare concorrenti, prodotti, aziende o alleanze consolidate.

A seconda di quanto sia ben definito un problema e di quanto sia ben definito il dominio, abbiamo quattro tipi fondamentali di innovazione: esplorazione fondamentale (il problema e il dominio non sono chiaramente definiti); innovazione dirompente (il dominio non è chiaramente definito, il problema è chiaramente definito); innovazione sostenuta (sia il problema che il dominio sono chiaramente definiti); innovazione dirompente (il dominio è chiaramente definito, il problema non è chiaramente definito).

In base a quanto è ben definito il problema e a quanto è ben definito il dominio, abbiamo quattro tipi principali di innovazioni: la ricerca di base (problema e dominio non sono ben definiti); l’innovazione innovativa (il dominio non è ben definito, il problema è ben definito); l’innovazione sostenuta (sia il problema che il dominio sono ben definiti); l’innovazione sostenuta (sia il problema che il dominio sono ben definiti); l’innovazione sostenuta (sia il problema che il dominio sono ben definiti); l’innovazione dirompente (il dominio è ben definito, il problema non è ben definito).

Competizione

webrooming

Nel mondo del business, guidato dalla tecnologia e dalla digitalizzazione, la competizione è molto più fluida, perché l’innovazione diventa un approccio dal basso verso l’alto, che può emergere da qualsiasi luogo.

Per questo motivo è molto più difficile definire i confini dei mercati esistenti.

Per questo motivo, una corretta analisi del webrooming e della concorrenza per le aziende esamina la sovrapposizione dei modelli di clienti, tecnologia, distribuzione e finanziari.

Allo stesso tempo, si esaminano le potenziali sovrapposizioni future tra settori che, nel breve termine, sembrano essere scollegati.

Lo scale-up aziendale è un processo di conversione del business in cui il prodotto viene verificato in segmenti di mercato più ampi.

La scala aziendale è la creazione di una domanda per il prodotto che si trova nel segmento più piccolo.

Quando un prodotto viene verificato, diventa fondamentale costruire un modello di business valido.

E man mano che il prodotto viene offerto in un numero sempre maggiore di segmenti di mercato, è essenziale allineare il prodotto, il modello di business e il design organizzativo per raggiungere una scala sempre maggiore.

Altri aspetti sul webrooming

Una pipeline dell’innovazione è uno strumento o un processo che assicura che vengano realizzate solo le idee migliori.

In termini metaforici, l’imbuto esamina le idee innovative per verificarne la fattibilità, in modo che solo i prodotti, i processi o i modelli aziendali migliori vengano lanciati sul mercato.

L’imbuto dell’innovazione fornisce una struttura per filtrare e verificare la fattibilità delle idee innovative.

Il processo di innovazione in quattro fasi è uno strumento semplice che le aziende possono utilizzare per promuovere l’innovazione continua.

Il processo di innovazione in quattro fasi è stato creato da David Weiss e Claude Legrand per incoraggiare l’innovazione continua nelle organizzazioni.

Il processo aiuta le aziende ad affrontare i problemi difficili con idee creative, anziché affidarsi a soluzioni rapide e a breve termine.

L’innovazione, nella sua accezione moderna, consiste nel proporre soluzioni a problemi definiti, o non definiti, che potrebbero creare un nuovo mondo.

E possono tentare di affrontare un problema chiaramente definito in un modo completamente nuovo.

Inoltre, le innovazioni aziendali possono iniziare con la ricerca di soluzioni a problemi ben definiti, migliorandole continuamente.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Vuoi fare business online? Allora, clicca il banner qui sotto e accedi gratis a oltre 200 corsi di digital marketing

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!
Marketing

Inserisci la tua email e inizia gratis a studiare online marketing