9 semplici passi per iniziare a vendere online

vendere ecommerce

Indice

Come per l’avvio di qualsiasi attività online, imparare a vendere ecommerce non è sempre semplice, ma la creazione, la gestione e il mantenimento di siti per imprenditori, designer e creatori di ogni tipo per vendere i loro prodotti è più fattibile oggi di quanto non lo sia mai stata. Le attività di e-commerce – che sono imprese che muovono beni, servizi e denaro attraverso Internet – variano per dimensioni e portata, dai colossi della vendita al dettaglio come Amazon ai siti di artigianato di Etsy.

Lo shopping online è solo uno dei tanti settori che hanno registrato un’enorme crescita negli ultimi cinque anni.

Secondo i dati dell’U.S. Census Bureau, solo nel terzo trimestre del 2021 le vendite di e-commerce hanno raggiunto i 154,5 miliardi di dollari negli Stati Uniti, pari all’11,2% delle vendite al dettaglio totali del Paese.

A seconda dei vostri obiettivi, l’avvio di un’attività di e-commerce può avere senso.

Dopo tutto, non essendo necessaria una sede fisica, un’attività di e-commerce offre a molti imprenditori grande flessibilità, economicità e opportunità.

In questa guida vi illustreremo le fasi di avvio di un’attività di e-commerce in 9 semplici passi: in questo modo avrete tutte le informazioni necessarie per avviare rapidamente un’attività online.

Sebbene vi siano alcune differenze significative nell’avvio di un’attività di e-commerce rispetto all’avvio di un’azienda fisica, vi sono anche alcune similitudini.

Come illustreremo di seguito, molte delle fasi di pianificazione e legali che dovrete intraprendere seguiranno un processo che è lo stesso (più o meno) di qualsiasi altra attività.

Tuttavia, quando arriverà il momento di lanciare effettivamente la vostra attività, scoprirete quanto possa essere diverso avviare un’attività di e-commerce.

1 – Ricerche di mercato per vendere ecommerce

Il primo passo per imparare vendere ecommerce è fare le dovute ricerche.

Proprio come quando si avvia un ristorante e si ricercano le varie location, le opzioni gastronomiche e i temi, è necessario indagare sulle aree dell’e-commerce che interessano e prendere alcune decisioni relative alla propria attività.

Ad esempio, dovrete pensare esattamente a cosa offrirà la vostra attività di e-commerce.

Venderete prodotti o servizi?

Se vendete prodotti, sono fisici o digitali?

Da dove si otterranno i prodotti?

2 – Modello di business per vendere ecommerce

A questo proposito, dovrete anche considerare il tipo di modello commerciale che desiderate adottare.

Offrirete prodotti singoli, pacchetti, abbonamenti o altro?

Inoltre, in questo processo dovrete pensare anche a un ambito più ampio.

Come consegnerete i vostri prodotti o servizi ai clienti.

Quali saranno i costi di avvio?

Ci sono leggi o altre normative che riguardano il vostro prodotto o servizio di cui dovete essere a conoscenza?

3 – Business plan

Queste domande, insieme ad altre, saranno essenziali per far decollare la vostra azienda e vi aiuteranno a creare e scrivere un business plan.

Questo processo vi permetterà di comprendere meglio i vostri obiettivi concreti e il modo in cui li raggiungerete. Soprattutto nel settore dell’e-commerce, una parte essenziale di questa fase è la ricerca della vostra nicchia.

Se da un lato la crescita del settore dell’e-commerce è un grande vantaggio per chi vuole sapere come avviare un’attività di commercio elettronico, dall’altro significa che c’è molta concorrenza.

Dovrete fare delle ricerche sui concorrenti e trovare lo spazio su cui ritenete di poter costruire il vostro marchio e avere successo nella vendita di prodotti e servizi.

4 – La scelta del nome per vendere ecommerce

vendere ecommerce

Una volta delineato il piano per la vostra attività di vendere ecommerce, il passo successivo è la scelta del nome.

Come per ogni attività commerciale, è necessario scegliere un nome che sia unico, ma anche che indichi chiaramente cosa sia o faccia la vostra azienda.

Probabilmente vorrete controllare per assicurarvi di non scegliere un nome commerciale già rivendicato da un’altra azienda.

Sebbene non vogliate ancora dedicare molto tempo al vostro sito, vale la pena di verificare se il potenziale nome di dominio aziendale è disponibile.

5 – Struttura legale dell’ecommerce

Decidete quindi la struttura legale della vostra azienda.

Il tipo di entità aziendale scelta avrà implicazioni legali e finanziarie significative per le vostre operazioni di vendere ecommerce.

In genere, deciderete di costituire una ditta individuale, una società in nome collettivo, una SRL o una società di capitali.

Ciascuno di questi tipi di entità presenta vantaggi e svantaggi, per cui è consigliabile consultare un avvocato o un altro professionista del settore legale per ottenere consigli su quale sia la soluzione migliore per la vostra azienda.

Se scegliete di costituire una ditta individuale o una società in nome collettivo, non avete bisogno di essere registrati presso lo Stato in cui operate.

La vostra attività sarà invece associata legalmente al vostro nome personale.

Lo standard industriale per la contabilità e altri servizi.

Come abbiamo detto in precedenza, se create la vostra attività di commercio elettronico come ditta individuale o come società in nome collettivo, non dovete registrare la vostra attività presso lo Stato.

Non dovete registrare affatto la vostra azienda, tranne che per il deposito di un’entità al fine di operare legalmente con una determinata ragione sociale.

6 – Eventuali permessi amministrativi per vendere ecommerce

In genere, poiché la maggior parte delle attività di vendere ecommerce ha sede a casa, non ha bisogno di tante licenze e permessi commerciali come i negozi fisici.

Tuttavia, dovrete scoprire quali sono i requisiti specifici della vostra zona.

In genere potete trovare queste informazioni online sul sito web del vostro Stato o dell’amministrazione locale.

Ad esempio, la maggior parte delle località richiede che i proprietari di attività commerciali a domicilio ottengano un permesso di occupazione domestica per poter operare legalmente.

Questo tipo di permesso dimostra semplicemente che, pur gestendo un’attività da casa, non si va ad aumentare la congestione, il rumore o le condizioni problematiche della località.

Le licenze professionali e commerciali sono disponibili per settori specifici.

Permessi per la salute, la sicurezza e l’ambiente per una serie di settori.

A questo punto, avete completato le pratiche necessarie per registrare e avviare legalmente un’attività di e-commerce.

Quindi, la maggior parte dei passi compiuti finora rispecchiano il processo di avvio di un’attività fisica.

7 – Realizzazione del sito di vendere ecommerce

vendere ecommerce

Ora, però, invece di cercare una sede e di prepararvi a costruire un negozio di mattoni, inizierete a costruire il vostro sito e il vostro negozio di vendere ecommerce.

Come la vetrina fisica, il sito web sarà il volto della vostra attività.

È quello che i vostri clienti vedranno per primo ed è quello che useranno per sfogliare e acquistare i vostri prodotti o servizi.

Per questo motivo, la creazione di un sito web sarà una delle parti più importanti dell’avvio di un’attività di commercio elettronico.

8 – Nome di dominio

Per prima cosa, come abbiamo già detto, dovrete prendere in considerazione un nome di dominio e l’hosting.

Il nome del dominio dovrà corrispondere al nome della vostra azienda (almeno, molto da vicino).

Per questo, come hosting vi consiglio Siteground.

9 – Piattaforme di vendere ecommerce

A questo punto, la decisione più importante sarà la scelta della piattaforma di vendere ecommerce.

Che si tratti di un software completo, come Shopify, o di una piattaforma open-source, come WooCommerce, la vostra piattaforma di e-commerce diventerà la base su cui costruire e far crescere il vostro negozio di e-commerce.

La maggior parte delle piattaforme di e-commerce vi permetterà non solo di creare e lanciare un negozio online, ma anche di personalizzarne il design, aggiungere un nome di dominio (o acquistarne uno), gestire l’inventario, accettare e consegnare gli ordini, accettare i pagamenti e molto altro ancora.

Shopify

vendere ecommerce

Forse il software di e-commerce più conosciuto e popolare, Shopify offre una soluzione completa, facile da usare e ricca di funzioni aggiuntive.

È possibile provare gratuitamente Shopify.

WooCommerce

vendere ecommerce

Se avete già avviato un sito web WordPress o avete familiarità con la piattaforma, potete scaricare WooCommerce per iniziare a vendere su un sito web WordPress.

Questo plugin è open-source, è scaricabile gratuitamente e include una serie completa di funzioni di commercio elettronico.

Tuttavia, rispetto a Shopify, WooCommerce è più adatto agli imprenditori con un po’ di conoscenze tecniche per poter beneficiare della sua natura open-source.

Sparespace

Squarespace

Considerato più comunemente come un costruttore di siti web, anche Squarespace offre funzioni di commercio elettronico ed è noto per i suoi modelli moderni.

Con Squarespace è possibile scegliere tra due piani specifici per vendere ecommerce: Basic, al prezzo di 26 dollari al mese, o Advanced, al prezzo di 40 dollari al mese.

Come Shopify, Squarespace è facile da usare e può soddisfare gli imprenditori di qualsiasi livello tecnico.

Tuttavia, essendo principalmente un costruttore di siti web, Squarespace potrebbe non offrire tante funzioni, strumenti o aggiunte come altre alternative.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!