Qual è l’andamento del settore ecommerce nel 2022?

settore ecommerce

Indice

Il settore ecommerce è aumentato drasticamente in tempi di pandemia, consentendo alle aziende di sopravvivere e prosperare. Non è necessario spendere molte spese generali per gestire un’attività di commercio elettronico, a differenza dei negozi di mattoni e cortili, e si ha accesso a un pubblico globale. La gestione di un negozio di e-commerce comporta alcune sfide, come un maggiore rischio di frode e un più alto tasso di abbandono del carrello. Questa guida si rivolge a coloro che sono interessati ad avviare un’attività di commercio elettronico e che desiderano comprenderne le basi.

La vendita di prodotti e servizi online ha assunto una nuova importanza nel periodo della pandemia COVID-19, e sia gli imprenditori che i consumatori non hanno altra scelta che adottare l’e-commerce.

Questa transizione è destinata a rimanere, offrendo ai piccoli imprenditori l’opportunità di prosperare online.

Ma prima di aprire un negozio sul web, è necessario sapere come funziona tutto.

L’e-commerce è il processo di vendita di beni e servizi online.

I clienti si recano su siti web o mercati online e acquistano i prodotti con pagamenti elettronici.

Una volta ricevuto il denaro, il venditore spedisce la merce o fornisce i servizi.

Quando nasce il settore ecommerce?

settore ecommerce

L’e-commerce esiste fin dai primi anni ’90, quando Amazon vendeva solo libri, ma oggi è un’industria multimiliardaria – ed è cresciuta ancora di più in tempi di pandemia.

Secondo un’analisi di Digital Commerce 360, che analizza i dati del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, la spesa per il commercio elettronico ha raggiunto i 347,26 miliardi di dollari nella prima metà del 2020, con un aumento del 30% rispetto all’anno precedente.

A titolo di confronto, le vendite di e-commerce sono aumentate solo del 12,7% nei primi sei mesi del 2019.

Con un numero inferiore di opzioni, i consumatori si sono abituati ad acquistare tutto, dai generi alimentari ai mobili, presso i rivenditori online.

Stiamo sicuramente vedendo alcuni studi che dimostrano che le persone continueranno con le loro nuove abitudini.

Secondo uno studio della società di consulenza McKinsey & Company, si prevede che alcune categorie di acquisti online cresceranno di oltre il 35%, tra cui farmaci da banco, generi alimentari, forniture per la casa e prodotti per la cura della persona.

L’e-commerce ha avuto un boom durante la pandemia COVID-19 e le nuove abitudini di acquisto online non stanno scomparendo, il che significa che ci sono molte opportunità per le piccole imprese di avviare un sito di e-commerce.

Come funziona il settore ecommerce?

Il settore ecommerce funziona in modo simile ai negozi fisici.

I clienti entrano nel vostro negozio di e-commerce, sfogliano i prodotti e acquistano.

La differenza più grande è che non devono lasciare il loro divano per farlo e che la vostra base di clienti non è limitata a una particolare regione o area geografica.

Il cliente effettua l’ordine sul vostro sito web o sulla vostra piattaforma di e-commerce.

L’ordine viene notificato a voi.

Quindi, il pagamento viene elaborato, la transazione viene registrata e l’ordine viene contrassegnato come completato.

Le transazioni di pagamento vengono in genere elaborate tramite un cosiddetto gateway di pagamento; consideratelo l’equivalente online del vostro registratore di cassa.

La fase finale del processo di commercio elettronico è la spedizione.

Se volete ottenere clienti abituali, dovete assicurarvi che le consegne siano puntuali.

Grazie ad Amazon, i consumatori sono abituati a ricevere gli articoli in soli due giorni.

Prodotti

settore ecommerce

Un cliente visita il vostro negozio di e-commerce e sfoglia i vostri prodotti.

Decide di acquistare una maglietta del settore ecommerce.

Sceglie la taglia e il colore e la mette nel carrello.

Un gestore di ordini o un programma di gestione degli ordini verifica che l’articolo sia disponibile.

Se il prodotto è disponibile e il cliente è pronto a verificare, inserisce i dati della carta di pagamento e le informazioni sulla spedizione nel modulo di checkout o nella pagina di checkout.

Il processore del pagamento, di solito una banca, verifica che il cliente abbia denaro sufficiente in banca o credito sufficiente sulla carta per concludere la transazione.

Il cliente riceve un messaggio sul sito che indica che la transazione è andata a buon fine.

Tutto questo avviene in pochi secondi.

L’ordine viene inviato dal magazzino e spedito.

L’acquirente riceve un’e-mail che indica che il prodotto è pronto per essere spedito.

Transazioni

L’ordine viene consegnato e la transazione è completata.

Le transazioni nel settore ecommerce sono come le transazioni di vendita al dettaglio nei negozi, in cui i clienti entrano nel vostro negozio, sfogliano i prodotti e poi effettuano il check-out.

La differenza sta nel fatto che la transazione avviene in modo digitale e che è necessario consegnare gli articoli al cliente.

Per avere successo nel commercio elettronico, dovete avere un inventario esaustivo dei prodotti e dei servizi che vendete su un sito o sulle pagine del marketplace.

La vetrina del vostro negozio di e-commerce deve essere facile da navigare, conveniente e visivamente attraente. Inoltre, deve essere ottimizzato per i dispositivi mobili.

Secondo i dati della piattaforma di eCommerce Oberlo, le vendite del commercio mobile dovrebbero raggiungere i 2,91 trilioni di dollari nel 2020, per poi salire a 3,56 trilioni di dollari nel 2021.

Con così tanti consumatori che fanno acquisti dai loro dispositivi mobili, è fondamentale ottimizzare il vostro negozio di e-commerce per loro.

Checkout

settore ecommerce

L’esperienza di checkout è un altro aspetto cruciale delle funzionalità del settore ecommerce.

Si tratta del processo che il cliente compie per acquistare i vostri prodotti o servizi.

il vostro flusso di checkout è confuso e disordinato, o richiede troppi passaggi, potreste perdere vendite.

L’abbandono del carrello è un fenomeno reale, come rilevato dal Baymard Institute; il tasso medio di abbandono è del 69,57%.

Suggerimento: assicuratevi che il vostro sito di e-commerce contenga un elenco approfondito dei vostri prodotti e/o servizi, che sia facile da navigare e che il check-out sia un gioco da ragazzi.

Vantaggi del settore ecommerce

C’erano molte ragioni per gestire un’attività del settore ecommerce prima della pandemia e ce ne sono ancora di più oggi.

I costi generali sono inferiori a quelli dei negozi fisici. Il costo maggiore della gestione di un’attività di vendita al dettaglio è la presenza di un negozio fisico.

Ciò significa il denaro speso per l’affitto, le utenze e altre esigenze simili.

Tutto questo non esiste quando si gestisce un negozio di e-commerce.

Non c’è un contratto di locazione da pagare.

Non dovrete preoccuparvi di tenere le luci accese, né di pagare il taglio del prato o la pala per il passaggio.

Potete operare 24 ore su 24, 7 giorni su 7, senza dipendenti.

Non ci sono orari di servizio su Internet.

È aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, così come la vostra attività di commercio elettronico.

A differenza dei negozi in mattoni che hanno un certo numero di ore, il vostro sito web può prendere ordini in qualsiasi momento in cui i vostri clienti sono pronti a fare un acquisto, potenzialmente portando ancora più affari.

Se si utilizza un software per automatizzare gran parte del processo, non è necessario assumere un responsabile dei turni serali.

La vostra azienda può aumentare o diminuire al volo.

I limiti di un negozio fisico

Quando si gestisce un negozio fisico, ci sono dei limiti fisici alla quantità di inventario che si può tenere: si ha a disposizione solo una quantità di spazio sugli scaffali.

Con l’e-commerce, non ci sono limiti di questo tipo; potete aggiungere e togliere prodotti a volontà.

Siete liberi di rivolgervi a una gamma più ampia di clienti.

L’e-commerce sta cambiando il gioco per le piccole imprese.

Non importa se si ha sede in città o in piccoli centri regionali: L’e-commerce vi dà la possibilità di essere dove volete, di vendere in molti mercati.

Tracciare le vendite e le consegne è più facile.

Logistica del settore ecommerce

settore ecommerce

La logistica è la chiave di volta di un’attività del settore ecommerce.

Grazie alla natura digitale dell’e-commerce, tracciare le vendite e le consegne è un gioco da ragazzi.

Il vantaggio di avere queste informazioni in tempo reale è che consente di identificare e risolvere rapidamente eventuali errori.

Quando si vendono prodotti online, si raccolgono molti dati sui clienti, dagli indirizzi alle e-mail.

Si ottengono anche informazioni sulle loro preferenze di acquisto.

Potete utilizzare queste informazioni per indirizzare i vostri clienti abituali con promozioni e sconti.

Pandemia e settore ecommerce

Mentre le attività commerciali sono state costrette a chiudere durante la pandemia, le aziende del settore ecommerce sono riuscite a rimanere aperte.

Di conseguenza, i consumatori hanno modificato le loro abitudini di acquisto, rendendo necessario per ogni rivenditore gestire un negozio online.

Sono fermamente convinto che, con COVID-19, i vantaggi della gestione di un’attività di commercio elettronico superino gli svantaggi.

Poiché un numero sempre maggiore di consumatori sta spostando le proprie spese dalla visita ai negozi fisici agli acquisti online, anche le aziende devono cambiare.

Sebbene i vantaggi del commercio elettronico siano numerosi, non è esente da sfide. Ecco sei cose a cui pensare prima di decidere se un’attività di e-commerce fa per voi.

Non è possibile coinvolgere tutti.

Anche in un periodo di pandemia, ci sono ancora consumatori che non amano fare acquisti online; vogliono vedere e toccare i prodotti prima di acquistarli e hanno paura delle frodi su Internet.

Secondo Oberlo, si prevede che nel 2020 2,05 miliardi di persone faranno acquisti online, ma si tratta solo di una frazione dei 7,8 miliardi del mondo, pari a circa il 26%. Il furto di dati e le frodi con le carte di credito stanno dilagando.

Frodi e settore ecommerce

Uno dei maggiori problemi del settore ecommerce è il rischio di frode.

I furti di carte di credito e di identità sono entrambi comuni e colpiscono migliaia di consumatori ogni anno.

Se gli hacker si introducono nella vostra rete e rubano le informazioni riservate dei vostri clienti, è possibile che si verifichino danni permanenti.

In media, i cyberattacchi costano alle aziende 200.000 dollari, e il 60% delle aziende chiude entro sei mesi da un incidente. I clienti abbandonano i carrelli della spesa.

L’e-commerce rende più facile per i clienti navigare, raramente con l’intenzione di acquistare.

L’abbandono del carrello incide su gran parte delle vendite online.

Fare affari online comporta dei costi.

Forse non avrete i costi generali che hanno i rivenditori di mattoni e negozi, ma dovrete comunque tenere conto di costi come le spese di hosting per il vostro sito web e/o una piattaforma di e-commerce, i costi dei servizi Internet, il marketing sui social media, la gestione dell’inventario, lo stoccaggio e la spedizione delle merci.

Come ogni altro imprenditore, anche voi dovrete tenere conto delle tasse, delle licenze commerciali e dei regolamenti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Vuoi fare business online? Allora, clicca il banner qui sotto e accedi gratis a oltre 200 corsi di digital marketing

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!
Marketing

Inserisci la tua email e inizia gratis a studiare online marketing