SEM, cos’è, come funziona e perché può essere utile al tuo salone di acconciature

s e m

Indice

Vi siete mai chiesti cos’è il SEM? Ci sono molti termini nel marketing digitale che suonano uguali o hanno definizioni simili. In questa guida, voglio eliminare la confusione sul s e m

Faremo un’immersione profonda in ciò che significa Search Engine Marketing (SEM) ed esamineremo le migliori pratiche da seguire per implementare una strategia di marketing a pagamento di successo per un salone di parrucchiere.

s e m

Qual è la differenza tra search marketing, SEO, s e m e pay-per-click marketing?

SEM, o search engine marketing, è l’uso di strategie a pagamento per aumentare la visibilità di ricerca.

In passato, il termine “search engine marketing” è stato usato per descrivere sia l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) che la ricerca a pagamento.

Ma ora si applica quasi sempre solo al marketing di ricerca a pagamento.

SEM, o search engine marketing, è l’uso di strategie a pagamento per aumentare la visibilità di ricerca.

I brand pagano per mostrare annunci nei risultati di ricerca sulle pagine dei risultati dei motori di ricerca.

I risultati dei motori di ricerca

Con il SEM, i gli acconciatori pagano per far apparire gli annunci nei risultati di ricerca sulle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

Mirano a parole chiave selezionate, così quando un utente cerca quei termini, vede gli annunci del marchio. Il marchio viene addebitato solo se l’utente clicca sull’annuncio.

Gli annunci di ricerca a pagamento possono essere trovati su quasi tutte le pagine dei risultati di ricerca.

Questi posizionamenti a pagamento si trovano di solito nella parte superiore e inferiore della pagina.

Includono la designazione “Pubblicità” per far sapere agli utenti che si tratta di un posizionamento a pagamento.

Alcuni annunci di ricerca a pagamento possono anche apparire come prodotti nel carosello.

Cos’è il s e m?

Search marketing è un termine generale che si riferisce a qualsiasi tattica utilizzata per aumentare la visibilità di un marchio nella ricerca o per far apparire un marchio più frequentemente nei risultati di ricerca.

Può includere una strategia s e m a pagamento, una strategia SEO organica o entrambe.

L’ottimizzazione dei motori di ricerca o SEO usa tattiche che migliorano la visibilità nella ricerca organica.

A differenza delle tattiche SEM che pagano per il posizionamento nelle SERP, le migliori pratiche SEO si concentrano sull’attrazione dei motori di ricerca e sull’ottenimento di posizioni prominenti nella ricerca organica.

I risultati della ricerca organica non sono indicati come “Pubblicità“.

Non vengono pagati; sono guadagnati.

PPC è una strategia di marketing a pagamento in cui un marchio crea una pubblicità digitale e si fa pagare ogni volta che un utente ci clicca sopra.

Quando un annuncio PPC appare nei risultati di ricerca, è considerato SEM.

Quando le strategie di pubblicità contestuale sono usate in canali diversi dalla ricerca, questo non è considerato SEM.

Per esempio, il PPC può essere usato su siti che supportano la pubblicità digitale, come i boosted tweets o gli annunci su Facebook.

Il pay per click include anche la pubblicità display di Google, dove i marchi vengono addebitati quando un utente clicca su un banner pubblicitario su un sito web.

Così, mentre la pubblicità contestuale è una tattica SEM, può anche essere un tipo di marketing sociale o promozionale.

s e m

Una piattaforma SEM è un motore di ricerca in cui i marchi possono inserire annunci di ricerca che appaiono quando gli utenti eseguono una ricerca.

Le piattaforme s e m più comuni sono Google e Bing.

Google Ads è la piattaforma SEM più usata.

Miliardi di ricerche su Google vengono effettuate ogni giorno, quindi tutto ciò può aiutarti a farti conoscere al più grande pubblico online.

Bing Ads sostiene di connettersi con 3 milioni di utenti che Google non può raggiungere. Mostrando annunci su siti partner come Yahoo e MSN, Bing Ads ti aiuta a connetterti con persone che non usano esclusivamente Google per la ricerca.

Le parole chiave SEM sono termini e frasi a cui si mira nelle campagne di marketing sui motori di ricerca.

Quando gli utenti cercano queste parole chiave, vedranno il tuo annuncio.

Per esempio, se la tua campagna si rivolge al termine “assistente virtuale”, il tuo annuncio potrebbe essere visualizzato quando un utente inserisce questa frase.

Quando imposti la tua campagna SEM, puoi scegliere quali parole chiave prendere di mira e/o evitare.

Tipologie di parole chiave nel s e m

Le parole chiave a larga corrispondenza del s e m mirano alle varianti del termine.

Questo include frasi simili, forme singolari o plurali, errori di ortografia, derivati o sinonimi del termine target.

Per esempio, quando si punta a parole chiave a corrispondenza ampia di assistente virtuale, le campagne possono anche puntare ad assistenti virtuali, assistenti online e squadre virtuali.

Le parole chiave di corrispondenza frase bersaglio la frase esatta, così come qualsiasi frase che contiene parole che precedono o seguono la parola chiave di destinazione.

Per esempio, quando si punta a parole chiave di corrispondenza di frase per assistenti virtuali, le campagne possono anche colpire i migliori assistenti virtuali, trovare assistenti virtuali e assumere assistenti virtuali.

Le parole target di una parola chiave di corrispondenza esatta sono parole che sono strettamente correlate alla parola target.

Obiettivi di ricerca s e m

Questo s e m include errori di ortografia, forme singolari o plurali, radici, abbreviazioni, parole invertite, parafrasi, o parole strettamente correlate con gli stessi obiettivi di ricerca del termine esatto.

Le parole chiave negative escludono i termini che non si desidera puntare.

Esse sono varianti di parole chiave a corrispondenza ampia, frase e esatta che non vuoi usare nella tua campagna.

Questi termini possono essere semanticamente correlati alle tue parole chiave, ma non sono legati all’intento di ricerca del termine di destinazione, alla tua campagna o alla copia dell’annuncio.

Esempi di parole chiave negative per un termine target di assistente virtuale potrebbero includere lo stipendio di assistente virtuale o la formazione di assistente virtuale.

Se gli annunci fossero rivolti ad aziende che cercano di assumere un assistente virtuale, l’intento di questi termini sarebbe irrilevante; quindi dovrebbero essere esclusi dalla campagna.

Corrispondenza ampia

Questo s e m include frasi simili, forme singolari o plurali, errori di ortografia, derivati o sinonimi del termine target.

Per le parole chiave di destinazione assistente virtuale, la campagna può anche puntare ad assistenti virtuali, assistenti online e squadre virtuali.

Corrispondenza esatta

Per le parole chiave di destinazione assistente virtuale, la campagna può anche puntare i migliori assistenti virtuali, trovare assistenti virtuali, e assumere assistenti virtuali.

Le corrispondenze esatte rappresentano parole che sono strettamente correlate al termine di destinazione.

Questo include errori di ortografia, forme singolari o plurali, parole radice, abbreviazioni, inversioni, parafrasi, o parole strettamente correlate con lo stesso obiettivo di ricerca come la corrispondenza esatta.

Per le parole chiave di destinazione assistente virtuale, la campagna può anche puntare a assistenti virtuali, assistenti virtuali e assistenti virtuali.

Il segno meno

Il segno meno esclude i termini che non si desidera puntare.

Parole chiave negative

Le parole chiave negative sono variazioni di parole chiave broad match, phrase match e exact match che non vuoi usare nelle tue campagne.

Questi termini possono essere semanticamente legati alle vostre parole chiave, ma non all’intento di ricerca del termine target, alla vostra campagna o alla copia dell’annuncio.

Per le parole chiave di destinazione, gli assistenti virtuali possono includere lo stipendio di assistente virtuale o la formazione di assistente virtuale.

Il targeting delle parole chiave dice alla piattaforma di ricerca quando mostrare il tuo annuncio. Il targeting SEM va anche oltre.

Con il targeting, si impostano ulteriori opzioni per quando e a chi il tuo annuncio dovrebbe essere mostrato.

s e m

Geolocalizzazione del s e m

Con il geo-targeting del s e m, i tuoi annunci vengono mostrati solo alle persone in un determinato codice postale o regione.

Il targeting di pianificazione degli annunci ti permette di impostare i tuoi annunci in modo che vengano visualizzati solo in determinate ore del giorno o in determinati giorni della settimana.

Il targeting demografico ti permette di mostrare i tuoi annunci solo a persone che appartengono a certe categorie demografiche basate su età e sesso.

Con il targeting relativo al dispositivo, i tuoi annunci vengono mostrati solo agli utenti su dispositivi specifici, come telefoni cellulari, desktop o tablet.

La struttura dell’account è il modo in cui le tue campagne SEM sono organizzate e impostate.

Raggruppa argomenti e parole chiave rilevanti per creare campagne nel tuo account.

Questo diagramma di Google mostra la gerarchia di come funziona la struttura dell’account.

Le campagne

Come il livello più alto in un account, ogni campagna s e m ha il suo obiettivo unico, budget, strategia di offerta e impostazioni di targeting.

Le campagne sono spesso utilizzate per organizzare gli account intorno ad argomenti più ampi relativi a prodotti specifici, servizi, pubblico target o promozioni.

Per esempio, una piattaforma che abbina assistenti virtuali con clienti potrebbe avere due campagne, una per le persone che cercano assistenti virtuali e una per le persone che sono assistenti virtuali.

Gruppi di annunci

All’interno di una campagna s e m, ci sono gruppi di annunci che suddividono la campagna in argomenti ancora più specifici.

La maggior parte delle campagne hanno più gruppi di annunci diversi, e si consiglia di non più di 7-10 gruppi di annunci per campagna.

Per esempio, una campagna rivolta agli assistenti virtuali potrebbe avere due gruppi di annunci, uno per gli assistenti virtuali part-time e uno per gli assistenti virtuali full-time.

Parole chiave e annunci

Ogni gruppo di annunci ha il proprio set di parole chiave e annunci mirati.

Le parole chiave e il testo dell’annuncio mirano a un pubblico unico e all’argomento del gruppo di annunci.

Si raccomanda di avere due o tre annunci e non più di 20 parole chiave per gruppo di annunci.

Se vuoi una mano per pubblicizzare su Google il tuo salone di acconciature, clicca il bottone qui sotto e richiedi una consulenza gratuita.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

Iscriviti alla newsletter per conoscere le novità

error: Content is protected !!