Piano editoriale: 9 tool per programmare i tuoi contenuti in maniera perfetta

piano editoriale esempio

Indice

Se siete come me, lavorate costantemente con almeno 20 schede del browser, quattro riviste, un blocco giallo o due, e un sacco di adesivi attaccati al monitor del computer. Per il supervisore medio, questo è, per usare un eufemismo, il caos. Per un blogger, questa è la prova di un (disperato) bisogno di un piano editoriale esempio.

Il mio sistema di confusione cambia drasticamente quando lavoro in un team.

Capisco il bisogno di organizzazione e struttura, e non potrebbe essere più necessario del blogging.

Senza un sistema coerente per pianificare, scrivere e programmare i contenuti ogni settimana, si può finire con un mucchio di scadenze mancate, post di blog inediti e una discreta quantità di stress per il team.

Oggi vedremo 9 tool per rendere il tuo piano editoriale perfetto.

piano editoriale esempio

Cos’è un piano editoriale esempio?

Il calendario editoriale è un flusso di lavoro visivo che aiuta il team di creazione dei contenuti a pianificare il proprio lavoro su base giornaliera, settimanale o mensile.

I piano editoriale esempio possono aiutare a tenere traccia dei tipi di contenuto, dei canali pubblicitari, degli autori e, soprattutto, delle date di rilascio.

Non esiste un calendario editoriale perfetto – tutto dipende dai bisogni del tuo team.

Tuttavia, ci sono una serie di domande che dovresti farti per determinare come dovrebbe essere il tuo calendario editoriale.

Quanto spesso pubblicare contenuti?

Hai qualcosa che va in onda ogni giorno?

Forse più volte al giorno?

Capire quanto spesso pubblichi può aiutarti a rivedere al meglio il tuo calendario editoriale su base regolare.

Stai creando più di un tipo di contenuto?

Se carichi tanti video su YouTube quanti ne pubblichi sul tuo blog aziendale, il tuo calendario editoriale dovrebbe distinguere tra i due.

Quante persone possono usare il piano editoriale esempio?

I migliori calendari editoriali permettono a più persone di fare brainstorming, collaborare e fornire feedback in tempo reale sugli incarichi direttamente sul calendario.

Occorre rispondere, però, ad alcune domande

Quali fasi attraversa il contenuto prima di essere pubblicato?

Quanto è complessa la vostra pipeline di contenuti?

C’è un significativo processo di revisione o approvazione che passa attraverso ogni pezzo di contenuto?

Assicurati che il tuo piano editoriale esempio possa distinguere tra due compiti simili che sono in fasi diverse di creazione.

Quale formato userai per organizzare questo piano editoriale esempio?

Ti consiglio di scegliere il sistema che meglio si adatta ai tuoi obiettivi e ai flussi di lavoro del tuo team.

La sezione seguente discute i formati più comuni.

Non esiste un calendario editoriale perfetto, ma alcuni formati sono migliori di altri per aiutarti a raggiungere gli obiettivi del tuo team.

Una volta scelto un piano editoriale esempio, devi anche decidere come implementarlo, scegliendo uno strumento o una piattaforma che offra la funzionalità o l’interfaccia di cui la vostra azienda ha più bisogno.

Che tu tenga traccia delle scadenze su un grande calendario cartaceo sulla tua scrivania o con un’app come Google Calendar, questo è uno dei modi più semplici per scoprire cosa sta per uscire e quando.

Il rovescio della medaglia, tuttavia, è che lo sviluppo e la gestione dei contenuti non riguardano solo le date di rilascio, e un calendario potrebbe non essere sempre abbastanza efficiente da solo.

I fogli di calcolo

I fogli di calcolo sono sempre stati i miei preferiti per la cura dei contenuti.

È molto soddisfacente vedere tutti i dati di cui hai bisogno raccolti in un unico posto e ordinatamente organizzati in righe e colonne.

Con Microsoft Excel e Google Sheets, i fogli di calcolo sono di facile accesso e non richiedono molto apprendimento.

Uno dei vantaggi di usare i fogli di calcolo è che possono essere facilmente combinati con applicazioni di calendario e strumenti di gestione dei contenuti. Importando un file .csv, puoi caricare le informazioni in tutte le posizioni di cui hai bisogno per completare il compito.

Ora vediamo i 9 migliori tool per programmare i tuoi contenuti in maniera perfetta.

piano editoriale esempio

Tool per creare un piano editoriale esempio

1. Kanban

Kanban è un sistema di gestione visiva dei progetti che comporta lo spostamento di carte attraverso diverse fasi di un progetto.

È popolare nella gestione del piano editoriale esempio perché può essere facilmente utilizzato per rappresentare i flussi di lavoro, indipendentemente dal processo di garanzia della qualità o dal numero di lotti che toccano gli articoli prima della pubblicazione.

Questo significa che se hai bisogno di più pianificazione e gestione per mantenere le cose in movimento in tempo reale, Kanban può facilmente ospitare il tuo calendario dei contenuti.

2. Trello, Airtable e Meistertask

Opzioni popolari per tali sistemi includono Trello, Airtable e Meistertask.

Andando un passo avanti, ci sono applicazioni e piattaforme software specificamente progettate per la gestione dei contenuti.

Includono il calendario e gli aspetti di gestione dei progetti necessari per portare a termine il lavoro, così come altre caratteristiche utili per i team di content marketing ad alto volume.

3. CoSchedule, Contently e Loomly

Esempi di queste piattaforme sono CoSchedule, Contently e Loomly.

Per aiutarti a implementare un calendario editoriale, ti fornisco anche esempi reali di alcuni dei team di contenuti di maggior successo.

Dai un’occhiata qui sotto per scoprire cosa rende il loro calendario così utile.

4. Hubspot

Il modello di piano editoriale esempio interattivo di HubSpot è stato creato per scrittori e strateghi dei contenuti per sviluppare le loro strategie di pubblicazione.

Include richieste di titoli dei contenuti, meta descrizioni, URL, chiamate all’azione e altro ancora. Il modello è completamente gratuito e funziona in Google Sheets ed Excel.

piano editoriale esempio

5. piano editoriale esempio di Buffer

Questo è il vero calendario editoriale di Buffer, una piattaforma di pianificazione dei contenuti dei social media.

Naturalmente, il contenuto aziendale è supportato da un calendario editoriale che elenca l’autore dell’incarico, il titolo, la data di pubblicazione, e dove si trova nel flusso di lavoro editoriale dell’azienda.”, “Pipeline”, “In Progress”. o “Change”).

Ogni casella rettangolare mostrata sopra rappresenta un pezzo separato di contenuto, che sia un post del blog, un video o anche un episodio del podcast.

Come puoi vedere, il calendario editoriale di Buffer è basato su Trello, un popolare strumento di gestione dei progetti.

6. Trello

E mentre è possibile utilizzare Trello in diversi modi, Buffer sfrutta al massimo le sue caratteristiche disponibili in modo che chiunque possa ottenere le informazioni di cui ha bisogno con pochi clic, indipendentemente da ciò che fa per il business e da come il calendario influenzi il suo lavoro.

“Il calendario editoriale dovrebbe essere utile a tutto il team, non solo ai creatori di contenuti”, dice Ash Reed, direttore editoriale di Buffer.

Dovrebbe essere qualcosa che chiunque può facilmente ottenere per vedere cosa sta succedendo e anche proporre idee per i contenuti. A volte i migliori suggerimenti di contenuto vengono da persone al di fuori del tuo team di marketing”.

Quando si fa clic su un incarico, Buffer registra il feedback man mano che il contenuto viene creato e rivisto.

Ash dice: “Non è solo un calendario, è un posto per condividere il feedback, modificare le note, fare presentazioni, ottenere idee e altro ancora”.

7. Unbounce

Un piano editoriale esempio è Unbounce in Google Sheets.

Questo è il calendario editoriale di Unbounce, un creatore di landing page e relativi strumenti di conversione per i marketer, e un partner di integrazione di HubSpot.

A differenza di Buffer, questa azienda utilizza Google Sheets per gestire tutta la loro produzione di contenuti, e il modo in cui hanno impostato il foglio di calcolo di cui sopra piacerà a qualsiasi creatore di contenuti.

Oltre a organizzare i loro progetti per mese, si può notare che Unbounce ordina anche i loro contenuti in base alla campagna che servono.

Questo permette all’azienda di vedere cosa hanno in comune i molteplici compiti elencati verticalmente nella terza colonna e tracciare il contenuto al di fuori del blog di Unbounce.

Sotto, il blog di Unbounce ha un calendario editoriale separato in Google Sheets che permette al blog di collaborare con iniziative aziendali più grandi.

Tuttavia, l’utilizzo di fogli di calcolo per entrambi i flussi di lavoro dei contenuti si è rivelato la scelta migliore per il business in crescita dell’azienda.

“Abbiamo un piccolo team di contenuti, quindi altre piattaforme possono rendere le cose difficili”, dice Colin Loughran, caporedattore di Unbounce.

In definitiva, questo calendario editoriale mantiene il team di Colin in sincronia.

“Perché stiamo cercando di bloccare le date con settimane di anticipo”, spiega, “la realtà è che a volte dobbiamo fare cambiamenti molto rapidamente. Il lancio di un prodotto può essere spostato in uno slot che abbiamo programmato per qualcos’altro, per esempio, o un invitato può essere in ritardo nella consegna di una bozza rivista. In questo caso, avere una risorsa centralizzata che chiunque può gestire è una coperta di sicurezza necessaria”.

8. piano editoriale esempio di Digital Authority

Digital Authority, un’agenzia di content e social media marketing, distingue tra i suoi grandi obiettivi di contenuto d’immagine e le sue attività più piccole legate al contenuto.

Digital Authority utilizza CoSchedule per programmare articoli come blog e post sui social media.

Questo grazie alle tassonomie codificate a colori, alle viste del calendario e delle attività, e alla possibilità di creare post sui social media su più piattaforme all’interno del portale.

Ci sono anche caratteristiche che permettono ai team di correre sulla stessa pagina, e la flessibilità di utilizzare il drag and drop.

9. Hootsuite

Hootsuite, un’altra piattaforma di pianificazione dei social media, ha tonnellate di contenuti da pubblicare sia quotidianamente che in anticipo.

Questo rende il loro calendario dei contenuti una componente importante della loro strategia di produzione.

A causa dell’alto volume, il team di Hootsuite crea i contenuti con largo anticipo, utilizzando Google Sheets per pianificare e organizzare su tutti i canali.

Dopo che la strategia è stata creata e implementata, i post finiti vengono visualizzati in Hootsuite Planner.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Vuoi fare business online? Allora, clicca il banner qui sotto e accedi gratis a oltre 200 corsi di digital marketing

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!

Inserisci i tuoi dati per entrare nell'Academy

Marketing

Inserisci la tua email e inizia gratis a studiare online marketing