FFP2 e FFP3, qual è la differenza tra queste mascherine?

FFP2 e FFP3

Indice

L’autorità pubblica ha dichiarato che l’uso di maschere di stoffa potrebbe avere dei vantaggi nei casi in cui la distanza sociale è difficile. Ma come possiamo sapere quali maschere sono adatte ai diversi ambienti? Il primo passo per sapere quale maschera facciale è adatta alle proprie esigenze è conoscere i diversi tipi. Le maschere mediche rientrano in due categorie principali: maschere chirurgiche e respiratori. Vediamo le differenze tra FFP2 e FFP3.

FFP2 e FFP3

Differenze tra le mascherine FFP2 e FFP3

Le maschere di tipo I e quelle di tipo I R hanno un’efficienza di filtrazione batterica del 95%, mentre quelle di tipo II e II R del 98%, oltre che le FFP2 e FFP3.

La resistenza alla respirazione e agli spruzzi è identica per le maschere di tipo I R e II R.

Le maschere di tipo I, I R, II e II R sono maschere mediche testate tenendo conto dell’orientamento dell’espirazione (interno-esterno) e dell’efficacia del filtro batterico.

Le maschere chirurgiche di questo tipo impediscono alla persona che le indossa di contaminare l’ambiente circostante.

Sono inefficaci nel proteggere chi le indossa da malattie respiratorie come il coronavirus.

Le maschere di tipo II (EN14683) sono maschere mediche realizzate con un tessuto protettivo a tre strati che tiene lontane le particelle più grandi dai pazienti o dalle superfici di lavoro; tuttavia, sono inefficaci in caso di presenza di sangue o fluidi corporei.

Sono disponibili in vari colori e stili.

Le maschere facciali di tipo IIR EN14683 sono maschere di tipo medico composte da 4 strati che allontanano le particelle più grandi dai pazienti o dalle superfici di lavoro.

Le maschere di tipo IIR incorporano uno strato resistente agli schizzi per proteggere dal sangue e da altri fluidi corporei.

Le maschere di tipo IIR sono testate con orientamento all’espirazione (all’interno) e considerano l’efficacia del filtraggio dei batteri.

Gli strati resistenti agli schizzi sono utilizzati per proteggere il corpo dai fluidi corporei. Le maschere di tipo I, Ir, II e IIR sono utilizzate per proteggere gli altri dalle infezioni trasmesse da chi le indossa.

Come funzionano le mascherine FFP2 e FFP3?

Le maschere FFP2 e FFP3 sono respiratori di classe europea testati in direzione dell’inalazione (outside-in) e tengono conto delle perdite dal viso e dell’efficacia filtrante.

Mascherine FFP2

Le maschere facciali FFP2 sono equivalenti alle maschere facciali N95 e soddisfano le linee guida dell’OMS per la protezione Covid-19.

FFP2 e FFP3

Le maschere facciali FFP2 sono progettate con un tasso di filtrazione minimo del 94%, con un massimo dell’8% di perdite all’interno.

Queste maschere non sono sagomate sul viso, ma solo tenute in posizione con una fascia elastica, e durano in genere 3-6 ore a seconda dei fattori ambientali.

Mascherine FFP3

La maschera FFP3 è la più efficiente in termini di filtraggio, con un filtraggio minimo del 99% e un massimo del 2% di perdite all’interno.

FFP2 e FFP3

Queste maschere sono meglio sagomate per una vestibilità più stretta e di solito sono dotate di una valvola per la respirazione, poiché il materiale di filtrazione è molto più spesso.

La valvola riduce inoltre l’accumulo di umidità, prolungando la durata della maschera.

I prodotti FFP3 sono comunemente utilizzate per lavorare con l’amianto.

Altri aspetti delle mascherine FFP2 e FFP3

Le maschere FFP2 e FFP3, N95 e altre sono efficaci nel proteggere chi le indossa dalla trasmissione virale.

Va notato che le maschere N95 non possono essere ufficialmente raccomandate per l’uso in Europa, anche se un approccio più flessibile sembra essere adottato nel caso attuale di carenza di DPI.

Le maschere mediche e i respiratori sono soggetti a standard e regolamenti diversi a seconda della regione geografica in cui vengono prodotti.

In Europa le maschere mediche devono essere conformi allo standard europeo EN 14683, con tre livelli di efficienza di filtrazione batterica (BFE1, BFE2, Tipo R).

Mascherine FFP2 e FFP3 e regolamentazione negli USA

Negli Stati Uniti, le maschere mediche devono essere conformi agli standard ASTM, che prevedono 3 livelli di protezione (da un basso rischio di esposizione a liquidi, fino a un alto rischio di liquidi).

In Europa i respiratori devono essere conformi alla norma europea EN 149:2001, che prevede tre classi di respiratori monouso per particelle (FFP1, FFP2 e FFP3).

Negli Stati Uniti, i respiratori devono essere conformi agli standard del NIOSH (National Institute of Occupational Safety and Health).

Classe N: nessuna resistenza all’olio.

Si distingue tra N95, N99 e N100.

I numeri che seguono le lettere indicano la percentuale di filtrazione delle particelle in sospensione.

Classe R: Maschere resistenti agli oli fino a otto ore.

Anche in questo caso, la differenza è tra R95, R99 e R100.

Classe P: maschera completamente resistente agli oli. Esistono anche P95, P99 e P100.

Durante l’attuale pandemia, è aumentato l’uso di maschere facciali e coperture fatte in casa, con diverse scuole di pensiero sulla raccomandazione o meno del loro uso.

Importanza dell’uso delle mascherine FFP2 e FFP3

Le argomentazioni a favore dell’uso delle mascherine FFP2 e FFP3, tra cui quelle del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, sono che possono contribuire a limitare la trasmissione in situazioni pubbliche affollate in cui la distanza sociale è difficile, come nei trasporti pubblici o nei supermercati.

L’argomentazione contro il loro utilizzo è che le maschere facciali fai da te sarebbero diverse volte meno efficaci di quelle mediche nell’impedire a chi le indossa di diffondere il virus, e avrebbero un’utilità minima o nulla nel proteggere gli stessi portatori.

In realtà, la preoccupazione è che la falsa sicurezza data dall’uso delle maschere si traduca in un aumento del rischio.

I cittadini che desiderano indossare maschere chirurgiche o respiratorie devono tenere presente che i professionisti della salute hanno difficoltà a procurarsi i DPI e quindi si chiedono se non stiano negando agli operatori sanitari, che ne hanno più bisogno, una protezione preziosa e, a loro volta, facciano aumentare i costi di acquisto del Servizio sanitario nazionale.

I cittadini che desiderano utilizzare schermi facciali di stoffa o maschere fatte in casa devono essere consapevoli dei loro limiti e che la distanza sociale, l’igiene delle mani e l’evitare di toccare maschere o volti sono molto più importanti.

Quali sono le mascherine sanitarie false?

FFP2 e FFP3

Il CDC ha suggerito quanto segue riguardo ai respiratori falsi: I respiratori approvati dal National Institutes of Health (NIOSH) sono contrassegnati dal simbolo di approvazione sul respiratore o all’interno della confezione come le FFP2 e FFP3.

Per verificare se un respiratore è stato approvato dal NIOSH, si può controllare il numero di approvazione nell’elenco delle attrezzature certificate (CEL) del NIOSH o nella pagina web NIOSH Trusted Sources.

I respiratori a facciale filtrato sono dotati di occhielli per le orecchie anziché di fasce.

Purtroppo, noi veniamo informati da varie fonti di certificati o altri documenti utilizzati come base del marchio CE per i DPI, mentre tali certificati non sono legalmente validi, né sono ammissibili come conclusioni per le valutazioni di conformità.

Non è chiaro se le organizzazioni citate abbiano effettivamente emesso i documenti o se questi siano stati falsificati (abbiamo l’impressione che siano molti i documenti falsi presentati come prova di conformità).

ESF non li sta accusando di aver fatto questo, ma voleva solo mettere in guardia i cittadini da questi documenti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social

Vuoi fare business online? Allora, clicca il banner qui sotto e accedi gratis a oltre 200 corsi di digital marketing

Unisciti alle oltre 4000 persone che ricevono risorse gratuite per mail

Prima di andare via, ti consiglio di leggere questi articoli

error: Content is protected !!

Inserisci i tuoi dati per entrare nell'Academy

Marketing

Inserisci la tua email e inizia gratis a studiare online marketing